Referendum UE, in GB parte la propaganda europeista per intimorire i cittadini

Imbracciano convinzione e determinazione i britannici filo europei già sul piede di guerra per difendere la loro Europa in vista del referendum per uscire dall’Unione dei 28.

 

L’ex manager della catena Marks & Spencer è in prima fila.
Lord Stuart Rose, ‘Britain Stronger In Europe’ :

“Rimaniamo parte del più grande mercato libero del pianeta o ce ne andiamo, rischiando di perdere posti di lavoro e creando incertezza per la nostra economia?
Siamo alla guida del mondo e vogliamo continuare a farlo rimanendo alla guida dell’Europa o vogliamo rischiare di vedere la nostra influenza diminuire a livello mondiale”.

In vista del referendum sull’Unione europea, che dovrebbe tenersi entro la fine del 2017, il premier britannico David Cameron vorrebbe rivedere con Bruxelles alcune clausole di partecipazione.

Per gli euroscettici dell’Ukip, rinegoziare è semplicemnte una perdita di tempo. Il suo leader Nagel Farage è convinto che Londra debba uscire dal club comunitario.  EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -