Francia: annunciati 10 miliardi di euro di contratti con l’Arabia Saudita

Matignon ha annunciato 10 miliardi di euro di contratti con l’Arabia Saudita.
Trenta motovedette rapide francese saranno commissionate entro la fine dell’anno, a Riyadh e l’embargo che ha colpito la carne bovina francese è stato tolto.

francia-arabia(Saudi Press Agency via AP)

La Francia ha annunciato Martedì una serie di accordi, contratti e lettere di accordi per 10 miliardi di euro con l’Arabia Saudita, nell’occasione di una visita a Riad del primo ministro francese Manuel Valls. “Francia-Arabia Saudita: 10 miliardi di euro di contratti”, ha twittato Manuel Valls. Questi accordi riguardano i settori dell’energia, della salute, del cibo, della marina, dell’armamento (30 motovedette veloci saranno commissionati entro la fine dell’anno), satelliti e infrastrutture, hanno dichiarato i servizi del Primo Ministro.

Questi accordi coprono una serie di settori, dall’energia alle infrastrutture passando per la salute, l’agro-alimentare e l’armamento. Nella cifra di dieci miliardi di euro sono compresi anche accordi con lettere di ordinazione, ha detto Matignon.

“Venite in Francia, venite a investire, ora più che mai”, ha dichiarato Manuel Valls, parlando Lunedi notte al secondo Forum economico franco-saudita dove erano presenti circa 200 aziende francesi. Ha ricordato che la Francia è stato il terzo più grande investitore nel regno saudita e le aziende saudite avevono la possibilità di svilupparsi in Francia. A questo proposito, è stato siglato un accordo per la creazione di un fondo saudita dedicato a investimenti in piccole e medie aziende francesi per un importo di due miliardi di euro.

Si è felicitato Matignon annunciando Martedì, che le imprese agroalimentari francesi dovrebbero anche beneficiare della revoca dell’embargo, che aveva colpito la carne bovina francese dalla crisi della mucca pazza. “37 società francesi potranno di nuovo esportare in Arabia Saudita”. Uno dei dirigenti del gruppo alimentare SVA Internazionale Marc Feunteun presente a Riyadh, ha valutato che conta così di effettuare delle esportazioni per 3000 tonnellate l’anno.

L’entourage di Manuel Valls ha anche presentato un accordo che prevede l’ordinazione di trenta motovedette veloci “saranno ordinate entro la fine dell’anno” da Riyadh. Si è anche convenuto che “l’apertura di negoziati esclusivi nel settore dei satelliti, delle telecomunicazioni e d’osservazione” per un importo di “diversi miliardi”.

Ma altri accordi sembrano ancora più in avanzata fase di preparazione. Così, per le infrastrutture e la gestione delle acque Riyad (3 miliardi) e dei trasporti urbani a Riyadh (1 miliardo), e per la distribuzione di energia a Jeddah, il comunicato francese fa solo riferimento “menzione dell’intenzione delle autorità Saudite d’iniziare un negoziato con i seguenti gruppi francesi Veolia, Alstom et ENGIE. Il Presidente della società ferroviaria SNCF, Guillaume Pepy, ha detto che il suo interesse per l’ingegneria delle metropolitane di Riyadh, La Mecca, Medina e Jeddah. La stessa cosa per l’aeronautica civile, “Airbus ha forti prospettive di sviluppo commerciale con il rinnovo della flotta di Saudi Airlines”, fa notare il comunicato.

Parigi e Riyad si felicitano da diversi mesi per l’eccellenza delle loro relazioni, culminata dall’invito a pranzo di Manuel Valls da re Salman. Il primo ministro si era in precedenza incontrato con i rappresentanti di società francese che lavorano in Arabia Saudita, la più grande economia del mondo arabo e il più grande esportatore di petrolio nel mondo. “Ci sarà sicuramente una politica di diversificazione energetica” nella rinnovabile e nel nucleare”, la scelta è fatta”, ha detto in questa occasione il ministro degli Esteri Laurent Fabius, sottolineando l’importanza della “slancio politico “in Arabia Saudita, anche se l’applicazione pratica ha bisogno di tempo.

La delegazione francese si è dimostrata molto discreta durante il suo soggiorno a Riyadh sulla questione dei diritti umani in un paese che ha registrato 134 esecuzioni dall’inizio dell’anno e dove un giovane saudita sciita, Ali al-Nimr, è condannato a morte per aver partecipato alle proteste anti-governative. “L’efficenza necessità della discrezione,” implorava la fonte diplomatica francese prima del viaggio indicando che Manuel VALLS doveva implorare presso il Re SALMANE in favore di una grazia per il giovane sciita.

Il Primo Ministro è arrivato a Riyadh Lunedì sera. Era la terza tappa del suo giro in Medio Oriente, che lo ha portato prima in Egitto, dove ha perfezionato l’accordo per la vendita di due bastimenti Mistral originariamente destinati alla Russia, e poi in Giordania per una visita incentrata sulla questione dei rifugiati dei conflitti iracheni e siriani. Manuel Valls ha dovuto tornare a Parigi Martedì sera.

LEPONT.fr



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -