I drogati costano agli italiani oltre un miliardo all’anno

Il Sottosegretario del Ministero della Giustizia Cosimo Maria Ferri ha partecipato al convegno “We Free Days. Il futuro dei giovani: proposte per guardare avanti” organizzato dalla comunità di San Patrignano.

Ferri si è soffermato sull’importanza dell’azione preventiva e riabilitativa rispetto al fenomeno della dipendenza dalla droga e ha fatto il punto sui provvedimenti del Governo e sui costi sociali ed economici provocati dalla droga nel nostro Paese.
“Ringrazio la comunità di San Patrignano per questa occasione di confronto su un tema delicato ed importante quale quello dei costi sociali ed economici delle dipendenze. I costi legati alla criminalità che lo Stato deve affrontare sono in aumento ed è sempre più attuale la necessità di riflettere sull’efficacia delle misure alternative e sul risparmio per la collettività dato dal reinserimento di persone attive nella società e nel mondo del lavoro. Incontrare oggi tanti ragazzi e ragazze che hanno svolto e che svolgono il percorso di recupero dalla tossicodipendenza è uno stimolo per riflettere sul ruolo del complesso apparato repressivo nell’affrontare situazioni di difficile recupero.

Dobbiamo essere chiari: la droga ha un costo economico e sociale per il nostro Paese e non possiamo restare inermi di fronte a questi fenomeni. I dati statistici stimano che lo Stato italiano spende oltre un miliardo di euro tra i costi dell’attività di indagine da parte delle Forze dell’Ordine, quelli relativi ai procedimenti giudiziari e quelli per la detenzione nelle carceri. Grazie ai provvedimenti del Governo abbiamo reintrodotto facilitazioni per l’accesso alle misure alternative, poiché riteniamo che la detenzione non possa essere la migliore soluzione per il reinserimento di questi soggetti nella società.

Peraltro i dati in nostro possesso dimostrano che il tasso di recidiva di coloro che hanno accesso a misure alternative è estremamente basso, circa il 18%, rispetto ad un 68%di recidiva di coloro che non vi hanno avuto accesso e quindi abbiamo la riprova della bontà di tale soluzione. Come detto, il fenomeno della droga non è solo un danno economico per lo Stato, ma è anche una piaga sociale che provoca conseguenze negative che dobbiamo assolutamente prevenire.

E’ indispensabile agire con campagne di informazione che coinvolgano e stimolino alla riflessione i nostri giovani e li sensibilizzino sui temi legati alla droga e ai suoi effetti, non solo dal punto di vista strettamente sanitario, ma anche per tutti gli effetti devastanti dal punto di vista sociale, familiare e lavorativo. Occorre quindi Sensibilizzare, informare, far conoscere ai giovani la pericolosità’ della dipendenza da droga e ciò che può’ comportare. Ascoltare le tante storie di ragazze e ragazzi che ne sono usciti grazie ad una seria azione di recupero che ha posto al centro la ricerca di se stessi sono un punto di partenza che aiuta a riflettere.

I risultati positivi raggiunti in termini di costi economici ma anche sociali devono Indurre a pensare ad una visione meno carcerocentrica, più di recupero e terapeutica. Recuperare, lavorare su programmi seri di reinserimento e terapeutici significa, da una parte, non perdere il valore della certezza della pena, dall’altra, consentire di scontarla pensando a come recuperare e guarire chi ha commesso reati legati ad una dipendenza da droghe. La questione della punibilita’, qualunque cosa si pensi in merito, va contemperata comunque con l’efficacia della repressione penale, con i costi che si sopportano nell’azione di repressione.”
Ferri ha aggiunto:”Lo Stato non può permettersi, sia dal punto di vista umano e sociale, ma anche in termini di competitività, uno spreco di vite, un deperimento di risorse umane comportato dall’uso di droghe. L

’investimento nell’azione di recupero, di prevenzione e di informazione e’ quindi essenziale ed importante anche per diminuire i costi economici. I dati ci dicono infatti che si registri una spesa media di 1,4 miliardi di euro, pari allo 0,8 del Pil, per il contrasto e la repressione del fenomeno droga. La sfida è quella di investire maggiormente nella prevenzione, nel recupero per raggiungere il risultato di ridurre il numero dei soggetti dipendenti dalla droga. Un dato che ci fa riflettere è l’aumento di detenuti per reati legati allo spaccio di stupefacenti che nel 2014 si fermava a 13972 detenuti per reati di violazione dell’art.73 della legge 309/90, e nel 2015, seppur si tratti di un dato parziale, siamo saliti a 18312 detenuti. “ (AGENPARL)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -