Feltri: “Se hai un’arma, dimenticala. Se ti difendi o ferisci un ladro sei finito”

In morte della legittima difesa: condannati gli aggrediti, i derubati, le forze dell’ordine. Risarciti i delinquenti. La nuova frontiera dell’ingiustizia

Vittorio Feltri per “il Giornale

Se non vogliono avere grane e finire in cella, gli italiani devono mettersi in testa un concetto elementare: qualche delinquente cerca di derubarli in casa o di rapinarli in qualsiasi luogo? Non possono reagire in alcun modo. I banditi che irrompono nella tua abitazione nottetempo, dopo aver forzato la serratura allo scopo di fare una razzia, vanno accolti quali profughi, con un sorriso. Non è solo una questione, pur importante, di bon ton: bisogna capire che i ladri sono indotti a violare la legge per necessità di sopravvivenza.

Non sono loro i cattivi anche se pretendono di impossessarsi dei tuoi beni, a costo di picchiarti e magari di ucciderti; il bastardo sei tu che non spartisci le tue ricchezze con chi è in bolletta. Onde per cui datti una regolata. I criminali ti minacciano con le armi? Invece di difenderti, stappa una bottiglia di champagne o almeno di prosecco, se non desideri spendere troppo, e ricevili in salotto come buonismo comanda. Versa da bere, offri pasticcini e lascia che essi scelgano gli oggetti che maggiormente gradiscono e li portino pure via. Hai denaro contante e gioielli in cassaforte? Perdio, che aspetti, consegna loro le chiavi e non opporre resistenza.

La colpa del fatto che i grassatori si siano ridotti al furto per campare non è loro, bensì della società iniqua. E se la società è iniqua e produce criminali, la responsabilità è anche tua, che hai contribuito a creare troppi poveri disperati e pochi ricchi. Sei abbiente? Paga il fio. Non ti venisse in mente di proteggerti. I banditi sono armati? Non ci badare.

Se hai un’ arma, dimenticala. Altrimenti, se spari, ferisci o addirittura uccidi, sei un uomo finito. Ti arrestano. Ti processano. Ti obbligano a risarcire il malvivente. Poi ti sbattono in galera per anni perché il rovescio ha sostituito il diritto: non sei tu da compatire, ma coloro che ti hanno spogliato di ogni avere.

Gli ultimi casi di aggressione ne sono la prova provata. A Ermes Mattielli, a Scalini di Arsiero (Vicenza), sono stati inflitti 5 anni di carcere per aver azzoppato due ragazzi, che brandivano una sbarra, e tentavano di fregare del rame nella sua modesta aziendina di straccivendolo. Mattielli non era il primo furto che subiva. Esasperato, ha premuto il grilletto andando a segno. Senza ammazzare, però.

I giudici lo hanno condannato a versare 135mila euro ai furfanti. Non fosse sufficiente ciò, hanno stabilito che il padroncino vada in prigione per un lustro. Roba da matti? No. Roba da italiani. Non c’ è da protestare: qui non si puniscono i farabutti, bensì i cittadini che ne sono le vittime. Il legislatore se ne guarda dal modificare le norme del codice penale. La legittima difesa (anche delle proprietà) non è mai riconosciuta, ma castigata come illegittima.

C’ è poi un episodio recente che grida vendetta. Ci riferiamo al gioielliere di Ercolano. Il quale alcuni giorni orsono è stato rapinato di 5mila euro da due briganti. Uno di essi gli ha puntato la pistola alla tempia. Il commerciante si è ribellato, dalla fondina ha estratto la rivoltella e ha premuto il grilletto. Li ha stecchiti entrambi.

Riflessione terra terra: meglio due infami al cimitero che un uomo onesto all’ ospedale. Macché. Il gioielliere è sotto inchiesta per eccesso di legittima difesa (quasi che esistesse una difesa moderata e contenuta) davanti a una pistola. Cosa egli avrebbe potuto fare in alternativa?

Offrire ai rapinatori dei fiori, dei cioccolatini? Invitarli al bar?

Incredibile ma vero. Il commerciante è stato ora obbligato a fuggire da Ercolano perché minacciato di morte dai famigliari di coloro che ha freddato. Siamo alle solite. I martiri sono i gangster, e il reprobo è chi li ha neutralizzati. Nessuno tutela quest’ uomo. È giustizia?



   

 

 

8 Commenti per “Feltri: “Se hai un’arma, dimenticala. Se ti difendi o ferisci un ladro sei finito””

  1. Shakespeare, Enrico VI “Intanto, come primissima cosa, ammazzeremo tutti gli avvocati.” (Dick: parte II, atto IV, scena II) nel ’400, l’unico che aveva degl’avvocati era il Re, oggi si tradurrebbe con “magistrati”

  2. É la giustizia comunista, dove la proprietà è considerata un furto. É sempre meglio fare secco il ladro. É una giustizia che incentiva i furti e le rapine.

  3. Finalmente una persona sensata! in un paese di merdume, la cosa che mi sconvolge è che i Giudici che ti condanno non hanno ne avranno mai il coraggio di venire ad arrestarti loro, ma bensì ci mandano i tutori dell’ordine ecco perché i cittadini Italiani che si difendono vanno in galera altrimenti dovrebbe ammazzare chi viene per arrestarti oppure i Politici che fanno le leggi, però loro vogliono la scorta come mai? Ha detto proprio bene signor Feltri.

  4. Giancarlo Vimercati

    Questo e’ quello che predica Renzi, il furbacchione la’ passata liscia su tante condanne, suo padre pure, ora ci lamentiamo che noi paghiamo le conseguenze di schellerati. Bene rintroduciamo la pena di morte e vediamo come va a finire.

  5. L’argomento legittima difesa da rivedere non sta solo al buon senso del Legislatore (che evidentemente non ne ha), ma anche a quello della Magistratura che non sembra tenere conto dell’aggressione subita e del conseguente stato d’animo della vittima

  6. Ma per forza. Dopo 20 anni di politici corrotti che se la godono da superricchi, tassati da nulla tenenti, e le opinioni che contano sono espresse da veline e calciatori, cosa ti aspetti???
    Se sei laureato, hai successo in un’azienda, produci reddito e crei lavoro, sei un bastardo. mai e poi mai verrai invitato ad entrare in politica e contribuire con la tua esperienza.
    Per la politica sono ammessi solo fancazzisti di professione, corrotti ed ignoranti.

  7. Sono pienamente d’accordo col direttore Feltri. I magistrati, nell’ambito della loro discrezionalità, dovrebbero adeguarsi al “sentire” della gente. Non se ne può più del garantismo e del buonismo. Solo i magistrati che hanno subito dei delitti (scippi o furti ) la pensano diversamente.

  8. MARIO BIANCHINI

    Ormai siamo al ridicolo più spinto!! Personalmente l’opinione che ho della ” casta ” dei magistrati è la peggiore possibile, perché se è vero che le ns. leggi fanno schifo, come del resto un po’ tutto in Italia grazie alla classe di politici che ci ritroviamo, è anche vero che i giudici hanno nelle loro facoltà LA DISCREZIONALITA’ INTERPRETATIVA e loro che fanno?!?! la applicano sempre a favore dei delinquenti !!!!! COME MAI ?!? MISTERO( ma non troppo……)

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -