Venezia, tre borseggiatrici colte sul fatto: subito rilasciate

 

Ieri venerdì 10 ottobre, due distinti interventi che hanno portato al fermo di tre borseggiatrici bosniache. La prima, I. R. di 27 anni, alle 12:30 all’imbarcadero della linea 2 della Ferrovia, stava tentando il borseggio ai danni di una cittadina cinese. Con gesto esperto, coprendo lo zaino dell’ignara turista, lo ha aperto infilandovi dentro una mano. La scena è stata seguita dagli operatori del Nucleo che sono intervenuti bloccando la ladra.

Purtroppo non è finita qui: vista la situazione della “collega” un’altra bosniaca è accorsa consegnandole con un rapido gesto il figlio di 6 mesi, a quanto pare ben conscia di cosa questo avrebbe significato: tale circostanza infatti ha comportato la mera denuncia a piede libero della colpevole, che in quanto neo mamma è stata subito rimessa in libertà dopo gli adempimenti di rito.

La seconda operazione è avvenuta alle 17.20, si tratta ancora di borseggiatrici bosniache che scelgono di prendere di mira i folti gruppi di cinesi in visita a Venezia: con uno schema che prevede la distrazione della vittima da parte di una delle due, mentre l’altra si occupa di frugare nella borsa del malcapitato, le due erano già pronte alle fuga ma sono state fermate: anche in questo caso però il rilascio è stato pressocchè immediato, essendo le due minorenni. La Polizia assicura che i controlli aumenteranno, resta la difficoltà di affrontare colpevoli non solo abili nel delinquere, ma anche ben istruiti sul come sfuggire alla giustizia nel più efficace dei modi.

veneziatoday.it



   

 

 

2 Commenti per “Venezia, tre borseggiatrici colte sul fatto: subito rilasciate”

  1. Assoluta impunità.

  2. Certo se era qualche pensionato alla fame lo mandavano in carcere, queste sono le leggi in Italia e grazie a chi fa queste sentenze che i Turisti in Italia non vengono più e una vera vergogna secondo chi li ha lasciato liberi non fosse ora che vengano cambiate? o mamma o nonna o zia in galera e frustate a sti delinquenti, perché già siamo pieni di delinquenti e vedendo che nessuno gli dice nulla fanno quello che vogliono invece gli Italiani pagano per loro e per noi.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -