Anziani sfrattati dall’Esercito, lei invalida «Trattati come delinquenti»

14 uomini dell’Esercito, sette carabinieri, cinque mezzi in strada e l’intervento del ministro della Difesa in persona per sfrattare due anziani. Sono in affitto, che pagano regolarmente, in un edificio di proprietà demaniale. Le norme nazionali parlano chiaro: lo Stato vende e chi è dentro o compra, oppure se ne va.

militare-sfrattato

Filippo Sturniolo, ex-luogotenente dell’Esercito ora in pensione, potrà continua e a vivere per un altro mese nell’appartamento, dove risiede tuttora con la moglie invalida, in via Donadoni 23 in uno stabile che il ministero della difesa sta dismettendo.

Lo rileva Umberto Bosazzi in un servizio andato in onda nel Tg di Tele4.

Decisiva è stata la telefonata ricevuta dal Ministro della Difesa Pinotti, che permetterà all’uomo di rimanere fino a fine ottobre nell’appartamento. Due anni fa l’uomo aveva deciso di rimanere in affitto nello stabile. A più riprese gli era stata offerta la possibilità di acquisto dei muri, sempre rifiutata a causa della mancanza di disponibilità economica.

Il 27 settembre scorso Sturniolo aveva presentato richiesta contro lo sfratto al Presidente della Repubblica, ma non aveva comunicato tale decisione al Comando Nord di Padova.

I militari si erano quindi presentati nello stabile per procedere allo sfratto, rassicurandolo dopo aver saputo dell’interessamento del Quirinale.

Ieri, nuovo tentativo di sfratto da parte dell’Esercito con l’uomo che ha chiesto una proroga di un mese per andare via dall’alloggio e cercarsi al contempo una nuova sistemazione per lui e la moglie.

Ieri mattina nella zona attigua l’appartamento la situazione è stata piuttosto incandescente, con i figli dell’uomo che hanno fatto quadrato attorno al proprio papà, chiedendo maggiore comprensione all’Esercito: quindi la decisione di posticipare lo sfratto di un mese.

triesteprima.it

 



   

 

 

3 Commenti per “Anziani sfrattati dall’Esercito, lei invalida «Trattati come delinquenti»”

  1. Ecco come lo stato tratta in primis i loro servitori e in seconda battuta i pensionati Italiani ma per i CLANDESTINI colazione, pranzo, cena, pernottamento, medicine e assistenza sanitaria tutto gratis, questi D…………I si dovrebbero solo vergognare buttare x strada persone anziane con l’avvicinarsi dell’inverno, B………..I.

  2. Tipico:forti con i deboli e deboli con i forti;fossero stati decine di clandestini spalleggiati dai centri sociali,dubito che qualcuno sarebbe intervenuto così come è successo per questi due anziani coniugi italiani.

  3. Vanni Ravaioli

    se il sign. Sturniolo fosse stato un clandestino e non un fedele servitore dello stato non si sarebbe trovato in questa condizione ! Governo di m….da !

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -