Lampedusa: 50 eritrei protestano in strada “no all’identificazione”

Lampedisa – Un gruppo di migranti è scappato dal centro di accoglienza e si è riunito davanti la chiesa per il terzo giorno consecutivo di proteste.

lampedusa-proteste

Alcune decine di eritrei sono scesi in strada a Lampedusa chiedendo di lasciare l’isola. Circa 50, tutti giovani, sfilano per le strade gridando “freedom”, “no finger prints” (no alle impronte digitali) e “Al Jazeera contact us”. Necessario l’intervento delle forze dell’ordine e la mediazione del sindaco Giusy Nicolini.

Ieri due ragazzi si erano buttati in acqua per protesta ed erano stati salvati dall’intervento degli uomini rana. Il gruppo di eritrei si trova nel centro d’accoglienza da oltre due settimane.



   

 

 

1 Commento per “Lampedusa: 50 eritrei protestano in strada “no all’identificazione””

  1. Certo che più tempo passa e più mi convinco che siamo diventati il paese di pulcinella grazie ai due politici di turno Incapaci, o forse perchè qualcuno ci deve mangiare con questi Clandestini, ma che cazzo dice non deve essere identificato, se non vuoi essere identificato immediatamente non su una nave ma su un aliscafo cosi e più veloce li scarichi in acqua sulle coste Libiche da dove sono saliti e te ne torni cosi abbiamo un problema in meno subito e gli altri si adeguano altrimenti stessa procedura, ma può essere che solo in Italia succedono queste cose, perché succedono? chi ci deve mangiare, ecc. ecc. vedete se fanno tutto quello che fanno in Italia nelle altre nazioni!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -