Sindaco di Pozzallo ai vigili, “multate le mamme, la sicurezza dei bimbi non importa”

“Non vi interessa la sicurezza dei bambini, voi dovete fare il vostro lavoro, poi i picciriddi s’ammattunu (li investono)”. Sono le frasi choc del sindaco di Pozzallo (Ragusa), Luigi Ammatuna (centrosinistra), contenute nel video che l’AGI e LaSpia.it hanno in esclusiva.

sindaco-pozzallo-ammatuna

Si tratta di un incontro fra il sindaco della citta’, uno dei porti siciliani dove approdano gli immigrati, e un gruppo di agenti della polizia municipali e ausiliari del traffico. Nel video il primo cittadino, Luigi Ammatuna, afferma: “Sono incazzato, faro’ il possibile per farvi mandare a casa. Mi state facendo massacrare dalla gente, tutti e tre siete testimoni che vi sto minacciando. Per colpa vostra mi stanno massacrando la gente, i genitori. Voi ausiliari vi dovete mettere davanti a scuola e dire alle persone ‘la macchina cosi’ non la puoi mettere’, dovete fare solo questo. Dovete dire alla mamma ‘la metta bene la macchina oppure le faccio la multa’. Lasciate perdere i picciriddi”.

E poi la frase sui bambini, rispondendo alla domanda di un operatore che chiede “e la sicurezza dei bambini?”, il sindaco afferma: “Non interessa a te, tu ti devi fare il tuo lavoro, poi i picciriddi s’ammattunu (li investono)”. Le polemiche fra sindaco di Pozzallo e polizia municipale hanno origine da prima dell’estate, da quando Ammatuna aveva comunicato l’intenzione di “voler chiudere il comando dei vigili” perche’ “un vespaio di persone non per bene”. Il sindaco, contattato dall’AGI, spiega: “Sono fermamente convinto che la presenza davanti alle scuole di un vigile urbano o di un ausiliario del traffico rassicuri la gente, per questa motivazione, ho chiesto l’impegno, come negli anni precedenti, di prestare servizio davanti alle scuole, ma, per motivi strettamente personali e di conflittualita’ con i vigili urbani, gli ausiliari del traffico da qualche tempo si rifiutano di svolgere questo servizio e mettono in difficolta’ l’amministrazione.

Questa frase -riconosce Ammatuna- certamente infelice, non corrisponde al mio pensiero di uomo delle istituzioni e soprattutto di padre e nonno, ma va contestualizzata nel momento di concitazione e di collera, dietro l’insistenza dell’ausiliario, il quale, incalzava affermando che il problema era quello della sicurezza dei bambini. Con la mia affermazione intendevo dire che se non vi sta a cuore la sicurezza dei bambini, fate il vostro lavoro ai bambini ci pensa qualcun altro, frase che ho ripetuto piu’ volte. Come sindaco -prosegue Ammatura- a causa di una situazione critica presso il Comando della Polizia Municipale, sto vivendo un momento difficile, infatti, prima dell’estate avevo fatto la proposta choc di chiudere il Comando. Ripeto, mi scuso e rassicuro i genitori, che il fine di quell’incontro era di garantire la sicurezza dei bambini e mi battero’ affinche’ questo possa avvenire convinto come sono, di dover tutelare e salvaguardare i bambini che vanno a scuola”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -