Storia di ordinaria follia o inaccettabile corruzione?

COMUNICATO STAMPA

Gli elementi ci sono tutti: siamo di fronte ad una cooperativa sociale, la “Camelot” gestita da Anna Baldoni, che riceve direttamente, come fosse una consegna fatta a mano, affidamenti milionari dal Comune di Ferrara per la gestione dei profughi.

coop-profughifoto di repertorio

Sono già 4 i progetti solo nel biennio 2013-2014: 118.496,25 euro del 29 gennaio 2014, 70.000 in data 11 marzo , 241.095,68 del 13 giugno 2014, tutte rigorosamente senza gara.

Ma a questo punto, a complicare un quadro così roseo di elargizioni di soldi pubblici, arriva l’Autorità nazionale anti-corruzione che vuole vederci chiaro: la sua prima segnalazione arriva con una lettera di contestazione risalente al 24 aprile e in particolare riguardava la sola categoria disagio mentale e non quella ordinaria. Palazzo Municipale risponde un mese dopo difendendo quelle assegnazioni dirette sulla base di una propria delibera del 2012 secondo cui l’autorità (il Comune in questo caso) ha piena facoltà di affidare direttamente la gestione dei servizi a rilevanza sociale qualora non sia prevista la remunerazione dell’opera prestata; infatti, secondo il Comune, le convenzioni sottoscritte con il gestore di Camelot prevedono solo il ripianamento dei costi sostenuti.

Ma il secondo pressing di giugno da parte dell’anti-corruzione sembra andare finalmente a segno con il risultato della revoca dell’affidamento alla Camelot, perché quest’ultima non era mai stata sottoposta ad alcun confronto concorrenziale con altre cooperative per i progetti Sprar, principio presente anche in una specifica deliberazione del 2014 dell’Anac. Nonostante l’intervento di autorità anti-corruzione e anti-mafia, nonostante un’inchiesta aperta dalla Procura di Ferrara su rapporti fra Camelot e autorità comunale, in tempi record viene bandita una gara pubblica per aggiudicarsi la gestione dei servizi Sprar per l’accoglienza dei richiedenti asilo: e a vincerla è proprio la Camelot, la cooperativa inquisita, quella che ancora non ha dimostrato di essere indenne da corruzione, e l’importo complessivo, finanziato dal Ministero dell’Interno per il 2016 è di ben 1.093.261,76 euro.

Stranamente secondo il Comune di Ferrara la Camelot è stata l’unica ad inviare la documentazione entro i termini fissati dal bando (ovvero le ore 12 del 29 settembre).
“In tutto il territorio nazionale fioccano ogni giorno nuove cooperative sociali” dichiara Ugo Bertaglia, vice-coordinatore regionale di Forza Nuova Emilia, “oppure vengono segnalati casi di mancata trasparenza, di concorrenza sleale ed in tutti questi casi sono due i fattori comuni: fiumi di denaro pubblico e attivitá di presunta integrazione di immigrati. L’assessore Chiara Sapigni ed il sindaco Tiziano Tagliani vivono grazie al contributo dei ferraresi: forse non è loro chiaro il ruolo che ricoprono, dimostrano anzi incapacità nel rispondere in prima persona di uno scandalo di cui sono responsabili.”

“La sezione ferrarese di Forza Nuova annuncia nuove azioni nei confronti di Camelot”, afferma il responsabile provinciale Massimo Piana, “affinché nessun soldo pubblico venga più sperperato con metodi disonesti e lesivi verso l’intera comunità ferrarese”.

Ufficio stampa Forza Nuova Ferrara



   

 

 

1 Commento per “Storia di ordinaria follia o inaccettabile corruzione?”

  1. Caro Ufficio stampa di Forza Nuova di Ferrara, purtroppo la Democrazia in Italia con l’avvento prima di, Monti, poi Letta. e Dulcis in fundo da Renzi, tutti e tre non votati da nessuno ma messi li da un Napoletano, quindi siamo passati da una Democrazia a una DITTATURA Politica, ma non fosse nemmeno tanto grave ma e gravissimo perché siamo amministrati da gente incompetenti, e badate bene che ve lo dice uno che per 50 anni e andato in giro con i paraocchi, al mattino mi sputo in faccia da solo solo x aver votato il prima PCI ora PD.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -