Arrestato ex presidente dell’Assemblea Generale dell’Onu

john-ashe-onu

 

L’ex presidente dell’Assemblea Generale dell’Onu, John Ashe, è stato arrestato in relazione all’indagine avviate dalle autorità Usa sulle presunte tangenti pagate a funzionari dell’Onu per sostenere progetti immobiliari a Macao. Lo riportano i media statunitensi.

Ashe, presidente per un anno dal settembre 2013, e’ stato arrestato a casa nello Stato di New York ed e’ accusato di aver intascato tangenti per piu’ di 1,3 milioni di dollari, circa 500.000 da un costruttore che voleva aggiudicarsi l’appalto di un centro conferenze dell’Onu, e circa 800.000 da imprenditori cinesi in cambio di sostegno degli interessi di questi ultimi a palazzo di Vetro, ad Antigua e Barbuda, suo Paese di origine.

L’inchiesta per corruzione riguarda altre cinque persone, tra cui un diplomatico dominicano, Francis Lorenzo, ambasciatore aggiunto alle Nazioni Unite, il costruttore cinese Ng Lap Seng, arrestato a New York con l’accusa di aver introdotto illegalmente negli Usa 4,5 milioni di dollari. Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha commentato l’arresto di Ashe dicendosi “sconvolto” e profondamente turbato. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Arrestato ex presidente dell’Assemblea Generale dell’Onu”

  1. Ma guarda quanto li tocchi c’è chi dice che si sentono turbati e sconvolti, azz qualche volta una buona notizia, ma x caso che pena gli daranno, sarei curioso di saperlo.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -