Nuovo scempio Isis: distrutto l’arco di trionfo a Palmira, aveva 2000 anni

Isis ha ripreso ad accanirsi contro le vestigia dell’antica citta’ di Palmira. Stavolta hanno fatto saltare in aria un arco di trionfo di epoca romana di 2.000 anni. Lo ha riferito il capo delle antichita’ siriane.

Isis ha conquistato Palmira a maggio, celebrando a modo suo: decapitando decine di soldati siriani fatti prigionieri. Ad agosto inizia l’opera di distruzione iconoclasta: il 19 agosto decapita l’antico custode della citta’ della regina Zenobia, l’82enne archeologo Khaled Asaad. (foto sotto)

khaled-asaad

Poi in rapida successione, il 23 agosto, fa saltare in aria prima il tempio di Ball Amish, e poi il 30 e’ la volta del monumento icona di Palrmira, il tempio di Bell. Il 5 settembre tocca alle tombe a torre di epoca romana. Oggi l’ultimo, solo in ordine di tempo affronto alla storia. Maamoun Abdulkarim, capo delle antichita’ siriane, ha detto che sue fonti a Palmira gli hanno riferito della distruzione dell’Arco di Trionfo.

palmira

Per i jihadisti sunniti le vestigie della citta’, tesoro di monumeti pre islamici, sono sacrileghe. Secondo molti analisti dietro la distruzioni, finora sempre riprese con video di alta qualita’, si cela anche il traffico di opere d’arte con cui Isis si finanzia. Prima di far esplodere i templi o i pezzi piu’ grandi, i jihadisti staccherebbero singoli reperti che poi riapparirebbero sul mercato delle opere d’arte. Per questo l’universita’ di Oxford ha lanciato – ma per Palmira e’ stato troppo tardi – un piano di mappatura fotografica 3d con droni dotati di telecamere ad alta risoluzione e Gps per immortalare ogni singolo pezzo. L’obiettivo e’ duplice: se possibile ricostruire nel futuro i templi distrutti il piu’ fedelmente possibile; costituire un immenso database aperto e consultabili a tutti, Interpol forze dell’ordine, storici e mercanti d’arte, per rendere invendibili e quindi privi di valore economico i singoli reperti trafugati prima della distruzione. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -