Vaticano, teologo gay: “Ecco l’uomo che amo, Bergoglio cambi il catechismo”

Vaticano, monsignor Charamsa: “Ecco l’uomo che amo, in un libro metterò a nudo tutta la mia storia”

 

video ilfattoquotidiano.it di Francesco Antonio Grana

Dopo il coming out e l’allontanamento da parte del Vaticano, monsignor Krysztof Charamsa, teologo di primo piano della Congregazione per la dottrina della fede, torna all’attacco di una Chiesa ipocritamente “omofoba” con, a suo dire, al suo interno tanti gay “nascosti nell’armadio” .

In una conferenza stampa nel centro di Roma, a poche ore della veglia per il Sinodo presieduta dal Papa in piazza San Pietro, monsignor Charamsa se la prende con l’ex Sant’Uffizio, proprio dove lavorava, definendolo “cuore dell’omofobia paranoica della Chiesa“, ma anche sottolineando che “non possiamo più odiare le minoranze sessuali, perché così odiamo una parte dell’umanità”.

Con il suo compagno di origini catalane di nome Eduard accanto, monsignor Charamsa annuncia che dopo il licenziamento del Vaticano per il suo coming out cercherà lavoro e che presto uscirà in italiano e in polacco un suo libro dove metterà “a nudo” tutta la sua storia. Immancabile anche un appello al “fantastico Papa Francesco che ci ha fatto riscoprire la bellezza del dialogo. Ora il Sinodo sulla famiglia sia davvero di tutte le famiglie e nessuna sia esclusa“.

E chiede a Bergoglio di modificare il catechismo, aggiungendo che informerà personalmente il Pontefice: “Devo ancora consegnargli la lettera”



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -