UE valuta: i Paesi membri potranno indebitarsi per mantenere i “profughi”

 

La possibilita’ di applicare le clausole di flessibilita’ previste dal patto di stabilita’ anche alle spese sostenute per l’accoglienza dei rifugiati non sara’ oggetto di discussione del prossimo consiglio Ecofin, ma la richiesta e’ comunque oggetto di analisi della Commissione europea, che su questo riferira’ non appena terminato il lavoro. Lo precisano fonti diplomatiche, ricordando che il patto di stabilita’ e crescita prevede di non agire contro Paesi membri dell’Ue quando le regole non vengano rispettato in caso di circostanze eccezioni, come potrebbe essere l’emergenza immigrati

Austria, Italia e Lussemburgo – quest’ultimo con la presidenza di turno del consiglio Ue – ritengono che le ondate di richiedenti asilo possano configurare una circostanza eccezionale e hanno chiesto che le spese per far fronte al fenomeno non vengano conteggiate ai fini della valutazione di debito e deficit.

Martedi’ a Lussemburgo l’Ecofin non parlera’ di questo, perche’ i ministri dei ventotto hanno ricevuto rassicurazioni dalla Commissione europea circa un lavoro di analisi della situazione, e si attende dunque l’esito di tale analisi. Di flessibilita’ e migranti si parlera’ dunque in seguito, auspicabilmente gia’ alla riunione dell’Ecofin del 10 novembre, sempre che non vogliano sollevare la questione i leader in occasione del vertice del Consiglio europeo del 15 e 16 ottobre. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -