Lampedusa: proteste dei migranti contro i rimpatri, pietre alla Polizia

 

Protesta a Lampedusa, da parte dei migranti ospitati all’interno del centro di prima accoglienza. Molti di loro sono riusciti a uscire dal sito e anche donne e bambini hanno lanciato pietre contro gli agenti di Polizia. Il motivo dei disordini sarebbe la volontà di manifestare contro l’azione di rimpatrio di chi non è in possesso dei requisiti per richiedere l’asilo.

In questo clima di tensione, oggi, l’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati ha partecipato alla seconda Giornata della memoria e dell’accoglienza, in ricordo delle 368 vittime del naufragio del 3 ottobre 2013 e di tutti i rifugiati e migranti scomparsi nel tentativo di raggiungere l’Europa. L’Unhcr ha ribadito il proprio “elogio e sostegno alla Guardia Costiera, alla Marina Militare e a tutti gli attori impegnati nelle operazioni di ricerca e soccorso nel Mar Mediterraneo”. Le operazioni di salvataggio in mare avvengono quotidianamente e “l’alta professionalità dimostrata dai soccorritori riduce sensibilmente il rischio di perdita di vite umane”.

agrigentonotizie.it



   

 

 

1 Commento per “Lampedusa: proteste dei migranti contro i rimpatri, pietre alla Polizia”

  1. CHI E’ IL RESPONSABILE DI TANTA ARROGANZA PREPOTENZA IN CASA NOSTRA.???
    LE COLPE NON SONO TANTO DI CHI LE COMMETTE, MA DA CHI LE LASCIA COMMETTERE OD OBBLIGA A COMMETTERE . !
    “OBBLIGATO A COMMETTERE”.?- POVERA ITALIA – COME DOPO IL 25 LUGLIO 1943 “TUTTI ALLA GRANDE FUGA” I CERVELLONI ARROGANTI MOLTI TRAVESTITI DA FASCISTI = IL POPOLO L’ITALIANO A SCANNARSI FRA DI NOI.! … PER QUESTO OGGI LA COLPA E’ DEI FASCISTI – DOMANI DEI COMUNISTI ECC… “STATEVENE ACCUORTI” …NON CADETE NELLA IDIOLOGIA.!-

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -