La Turchia chiede alla UE altri soldi e liberalizzazione dei visti

L’Ue lavora per raggiungere un accordo politico di collaborazione con la Turchia sulla crisi dei profughi, prima del vertice dei leader Ue del 15 ottobre. Si apprende da fonti europee. Un momento importante del negoziato sarà l’incontro di lunedì tra il presidente della Commissione Ue Juncker ed quello turco Erdogan a Bruxelles. Tra l’altro Ankara chiede ‘aree protette’ in territorio siriano, il reinserimento nella lista dei Paesi di origine sicura, la liberalizzazione dei visti e risorse aggiuntive.

erdogan

La Turchia era stata depennata dalla lista dei Paesi di origine sicura durante il penultimo consiglio Affari interni Ue su pressione di alcuni Paesi, tra cui Francia e Germania. Nei giorni scorsi Juncker ha parlato della questione in una telefonata con la cancelliera tedesca Angela Merkel, e di persona, a Parigi, col presidente francese François Hollande. I due leader Ue, così come il cancelliere austriaco Werner Faymann hanno dato il loro sostegno “all’approccio comunitario” che Juncker ha intenzione di mettere in campo nel suo incontro con Erdogan.

“Una nuova spinta politica” potrebbe portare alla revisione della decisione di escludere la Turchia dalla lista dei Paesi di origine sicura, spiegano le fonti, anche se non nascondono che alla riunione degli ambasciatori Ue (Coreper) ci sono state reazioni negative di fronte all’ipotesi.

L’argomento dovrebbe essere comunque affrontato di nuovo al consiglio Affari interni di giovedì 8 ottobre, a Lussemburgo. Tuttavia un altro scoglio potrebbe essere il passaggio all’Europarlamento, che assieme al Consiglio Ue è chiamato ad una decisione sulla questione. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -