Siria, Gentiloni: i raid russi potrebbero essere un fatto negativo

“Una escalation militare da parte russa sarebbe un grave errore. Se si rivelasse vero che i raid erano in un territorio molto conteso, non solo non aiuterebbero ma potrebbero essere un fatto negativo”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, parlando in conferenza stampa da New York commentando le notizie secondo cui la Russia avrebbe bombardato forze dell’opposizione, cosa già abbondamente smentita.

“ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”

In questo momento – ha continuato Gentiloni – “c’è uno spiraglio sull’avvio di un possibile processo di transizione verso un governo più inclusivo tra opposizione e alcune parti del regime che gradualmente porti all’uscita di scena di Assad. Dove gradualmente è la parola chiave”, ha detto il ministro aggiungendo che si deve evitare di creare un vuoto di potere che lasci spazio a gruppi estremisti.

Poi Gentiloni ha concluso: “Su questo schema di ragionamento si sono tenuti i colloqui tra russi e americani. C’è stata l’apertura di uno spiraglio nelle ultime settimane, dobbiamo evitare che quello che succede sul terreno chiuda questa possibilità”. (askanews)



   

 

 

1 Commento per “Siria, Gentiloni: i raid russi potrebbero essere un fatto negativo”

  1. Quindi tolto Assad solo perché fa comodo a qualcuno che non si piega agli Americani, fra poco ci andrà Gentiloni a combattere l’ISIS da solo e risolverà il problema, Signore Iddio perché mi hai fatto nascere in questa Nazione con gente sciapa senza sale, che peccato ho fatto nel dover sopportare.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -