Siria, Gentiloni: i raid russi potrebbero essere un fatto negativo

“Una escalation militare da parte russa sarebbe un grave errore. Se si rivelasse vero che i raid erano in un territorio molto conteso, non solo non aiuterebbero ma potrebbero essere un fatto negativo”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, parlando in conferenza stampa da New York commentando le notizie secondo cui la Russia avrebbe bombardato forze dell’opposizione, cosa già abbondamente smentita.

“ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”

In questo momento – ha continuato Gentiloni – “c’è uno spiraglio sull’avvio di un possibile processo di transizione verso un governo più inclusivo tra opposizione e alcune parti del regime che gradualmente porti all’uscita di scena di Assad. Dove gradualmente è la parola chiave”, ha detto il ministro aggiungendo che si deve evitare di creare un vuoto di potere che lasci spazio a gruppi estremisti.

Poi Gentiloni ha concluso: “Su questo schema di ragionamento si sono tenuti i colloqui tra russi e americani. C’è stata l’apertura di uno spiraglio nelle ultime settimane, dobbiamo evitare che quello che succede sul terreno chiuda questa possibilità”. (askanews)



   

 

 

1 Commento per “Siria, Gentiloni: i raid russi potrebbero essere un fatto negativo”

  1. Quindi tolto Assad solo perché fa comodo a qualcuno che non si piega agli Americani, fra poco ci andrà Gentiloni a combattere l’ISIS da solo e risolverà il problema, Signore Iddio perché mi hai fatto nascere in questa Nazione con gente sciapa senza sale, che peccato ho fatto nel dover sopportare.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -