Pescara, droga nelle case popolari di “lusso”: tre Rom arrestati

Rom-ricchi

 

Tre arresti da parte dei carabinieri di Pescara per spaccio di stupefacenti a Rancitelli. Si tratta di una coppia di rom Achille Di Rocco, 47enne e Marilena Spinelli (44) e del fratello della donna Carmine, tutti pregiudicati.

I militari, infatti, nel corso di un servizio antidroga nel quartiere, hanno bussato alla porta dell’abitazione della coppia, dove era presente la donna. Visibilmente nervosa alla vista dei carabinieri, in casa nascondeva un cilindro che i carabinieri hanno riconosciuto essere parte di una pressa utilizzata dai trafficanti per confezionare la droga.

L’abitazione, un alloggio popolare Ater, era stata trasformata in una vera e propria reggia: arredamenti antichi e pregiati, infissi di lusso e bagni in marmo incompatibili con il tenore di vita dichiarato ufficialmente dalla coppia, che risulta disoccupata.

Subito la perquisizione si è sposata nella casa del fratello Carmine, che vive di fronte. Qui sono stati trovati i tre etti di cocaina purissima, nascosti sopra un mobile del salotto. La droga avrebbe fruttato una volta tagliata circa 100 mila euro. Nel garage della coppia, anch’esso arredato con mobilio di lusso, è stata trovata anche la pressa per il confezionamento, oltre a 4 bilancini di precsione, mannitolo per il taglio.

Gli uomini sono finiti in carcere a Pescara, la donna a Chieti. Ora saranno avviati accertamenti patrimoniali. Gli arrestati sono proprietari anche di una Mercedes Coupè e di una Renault Clio.

www.ilpescara.it

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -