Milano: dipendenti comunali arrestati. Sequestrati lingotti d’oro e 520mila euro in contati

 

Trentadue lingotti d’oro, circa 520mila euro in contanti, 19 orologi di pregio e oltre 120 monili e oggetti d’oro: e’ questo il ‘bottino’, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro, sequestrato dalla Guardia di Finanza di Milano a due dipendenti e un ex manager del comune di Milano e all’imprenditore arrestati martedì per un presunto giro di mazzette nell’ambito dell’edilizia.

I reati su cui indaga la procura di Milano sarebbero stati commessi dal 2005 al 2012, durante le amministrazioni dei sindaci Gabriele Albertini, Letizia Moratti e Giuliano Pisapia.

Nel mirino degli investigatori sono finiti appalti per i lavori di ristrutturazione e di manutenzione delle case Aler e appalti edili nelle scuole milanesi. I beni sequestrati sono stati trovati nella disponibilita’ delle 4 persone arrestate: Giuseppe A. e Angelo R., impiegati all’ufficio manutenzioni del comune di Milano, Luigi G., ex dirigente di palazzo Marino e Marco V., titolare delle societa’ ‘Professione edilizia’.

Le accuse sono, a vario titolo, associazione per delinquere, corruzione, turbativa d’asta e falso. I 32 lingotti, del peso di un kg ciascuno, hanno un valore di 32 mila euro l’uno. Giovedì i 4 arrestati compariranno davanti al gip Alfonsa Ferraro.

.milanotoday.it



   

 

 

2 Commenti per “Milano: dipendenti comunali arrestati. Sequestrati lingotti d’oro e 520mila euro in contati”

  1. Ordinaria amministrazione!

  2. POVERACCI. CON LE TASSE CHE CI METTONO NEL NOME “TAGLIO DI TASSE” … HANNO CAPITO L’ANTIFONA E SI SONO PREOCCUPATI PER LA VECCHIAIA.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -