L’Italia perde anche i gelati: Grom venduta alla multinazionale Unilever

 

Grom, l’azienda italiana produttrice di gelato, è stata acquistata dalla multinazionale anglo olandese Unilever. Quest’ultima, nell’annunciare l’acquisizione, ha specificato che il business dell’azienda tricolore resterà autonomo e continuerà a essere gestito da Federico Grom e Guido Martinetti, i due fondatori, dalla sede torinese. I termini e i dettagli dell’acquisizione non sono stati resi pubblici.

Grom oggi opera nel segmento del gelato premium e conta 67 negozi in Italia e nel mondo. Unilever, che impiega nel mondo 172 mila persone e nel 2014 ha registrato un fatturato di 48,4 miliardi, ha un portafoglio di marchi tra i quali figurano Algida, Knorr, Magnum, Lipton, Mentadent, Svelto e Coccolino.

Grom

“Grom – si legge in una nota dell’azienda torinese – ha scelto di collaborare con Unilever, che ha acquisito la totalità delle azioni dell’azienda torinese, per portare il gelato italiano di qualità ai consumatori di tutto il mondo. Questa collaborazione rappresenta per Grom una straordinaria occasione per continuare il percorso virtuoso che ne ha caratterizzato la storia: partire dall’agricoltura e, scegliendo le migliori materie prime, valorizzare il gelato italiano di qualità portandolo nei più importanti mercati del mondo”.

Grom si inserisce, in totale complementarietà, all’interno della famiglia dei gelati Unilever che include, tra gli altri, Algida, Carte D’or, Cornetto, Ben & Jerry’s e Magnum”.

 

.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -