30enne accoltellato per una sigaretta negata, arrestato marocchino

 

Un marocchino di 33 anni e’ stato arrestato dalla polizia, a Milano, per il tentato omicidio di un peruviano di 30 anni accoltellato perche’ non ha dato una sigaretta a una ragazza africana. L’episodio e’ del 27 settembre ma e’ stato comunicato dalla polizia dopo la convalida dell’arresto. A. H. e’ stato arrestato dagli agenti del commissariato Villa San Giovanni dopo l’aggressione al peruviano avvenuta nell’area verde di via Giacosa.

Secondo una prima ricostruzione delle forze dell’ordine, attorno alle 3.10 il sudamericano era con amici quando e’ stato avvicinato da una ragazza africana che gli ha chiesto una sigaretta. Il gruppo ha cercato in tasca ma alla fine ha detto di non averne.

ONU: Ban Ki-moon: non costruire muri e non sfruttare la paura

A quel punto un marocchino e’ apparso dal nulla sbraitando contro di loro e dicendogli che non dovevano permettersi di farle perdere tempo per poi non darle nulla poiche’ era offensivo. La discussione si e’ accesa quando e’ intervenuto Hamemi: e’ nata una colluttazione durante la quale il peruviano e’ stato colpito con cinque fendenti. Mentre i due aggressori sono scappati, gli amici del 30enne hanno chiamato i soccorsi e lo hanno spostato in via Padova. L’uomo e’ stato accompagnato all’ospedale Fatebenefratelli in condizioni serie ma non in pericolo di vita. Alcuni minuti dopo i testimoni hanno indicato ai poliziotti un uomo che stava attraversando la strada e che sembrava essere uno degli aggressori.

Era lui. Il complice è riuscito a scappare.

www.milanotoday.it



   

 

 

1 Commento per “30enne accoltellato per una sigaretta negata, arrestato marocchino”

  1. QUANTA UMANITA’ CI PORTANP.!!! NOI SIAMO DEI CATTIVONI.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -