Swissmedic: Traffico di medicinali a base di cellule umane, indagini in Italia

Indagini sono in corso in tre cantoni elvetici e anche in Italia su un traffico di medicinali a base di cellule umane. Lo riferisce l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic, dopo l’annuncio dell’arresto di tre persone.

farmaci

I tre arrestati sono sospettati di avere fabbricato, commercializzato e utilizzato illegalmente in Svizzera e in Italia medicamenti a base di cellule umane, “mettendo così a repentaglio la salute dei pazienti”, sottolinea Swissmedic che ha assunto la direzione delle inchieste, precisando che all’operazione hanno collaborato le polizie cantonali di Zurigo, Argovia e Turgovia, come pure le autorità italiane.Tutti e tre gli arrestati si trovano nel canton Zurigo e sono già stati interrogati ieri e oggi dalla Procura della regione Limmattal/Albis e da rappresentanti di Swissmedic.

Nell’ambito dell’indagine in corso sono state effettuate ieri mattina perquisizioni in sei località dei tre cantoni coinvolti e “molte” sono le persone “sospettate di aver violato la legge sugli agenti terapeutici”, scrive Swissmedic. Per il momento non se ne sa di più. Un’inchiesta è in corso anche in Italia.Una delle perquisizioni è avvenuta nella Seegarten-Klinik di Kilchberg, sulla sponda sinistra del lago di Zurigo, ha dichiarato all’Ats la procuratrice Corinne Kauf. La clinica è sospettata di aver somministrato a pazienti i preparati illegali.

Quanti siano i pazienti coinvolti non è ancora noto, come neppure il numero di somministrazioni effettuate, ha indicato all’agenzia stampa svizzera il portavoce di Swissmedic, Peter Balzli. Secondo il suo sito Internet, la Seegarten-Klinik è una clinica diurna specializzata “nella terapia e prevenzione di malattie e disturbi cronici, nonché ‘better aging’”, e offre una vasta gamma di cure, inclusi “trattamenti olistici” per il cancro. Per i prodotti in questione – precisa Swissmedic – sono stati impiegati preparati composti di cellule umane (estratti cellulari) che sono stati usati come medicinali. I prodotti realizzati con tessuti di origine umana e animale che non contengono cellule viventi – aggiunge l’Istituto – sono considerati medicamenti e sono soggetti alla legge sugli agenti terapeutici.

La fabbricazione e la vendita di tali preparati presuppone l’approvazione da parte di Swissmedic. Lo stesso vale per l’importazione, la commercializzazione all’ingrosso o l’esportazione dei medesimi. Sulla base delle prime indagini – ha aggiunto Balzli – gli estratti a base di cellule umane sono stati iniettati nei pazienti. “Di sicuro – ha sottolineato – con l’impiego di simili preparati sussiste il rischio di una trasmissione di virus, in particolare l’Hiv” che causa l’Aids. Questa è anche la ragione per cui questo genere di medicinali è così severamente regolamentato.

Queste forme terapeutiche basate sull’uso di estratti di cellule non viventi di origine umana o animale – precisa ancora Swissmedic nella sua nota – non devono essere confuse con le cosiddette terapie cellulari: l’utilizzo di cellule animali viventi è uno xenotrapianto e come tale è disciplinato dalla legge sui trapianti. Le terapie cellulari in cui si fabbricano o elaborano prodotti composti di cellule, tessuti o organi (espianti) sono regolamentate dalla legge sui trapianti e dalla legge sugli agenti terapeutici.

Adnkronos

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -