Cuneo, pensionato vendemmia con 4 amici: multato per lavoro nero

vendemmia

 

Doveva essere un allegro giorno di festa come nelle migliori tradizioni contadine del Piemonte, invece si è trasformato in quello più brutto per un pensionato di Castellinaldo d’Alba (Cuneo) che si è ritrovato 20mila euro di multa da sborsare. Questo per aver invitato quattro suoi amici a vendemmiare nel suo podere, non più di un ettaro di vigne tra barbera e nebbiolo. Un blitz dell’ispettatorato del lavoro ha rovinato la giornata: l’accusa di lavoro nero e 3.900 euro di ammenda per ogni presente. “Qui in campagna ci si aiuta, non è caporalato”, è la difesa del sindaco del paese. “Abbandonerò tutto, perché non serve lavorare tanto per questi risultati”, commenta il contadino-pensionato a La Stampa

Eppure quelle vigne appartengono alla famiglia del pensionato da almeno 70 anni e il giorno della vendemmia è tradizionalmente così: si chiamano gli amici quando l’uva è matura e si raccoglie ancora a mano, senza macchinari, come una volta.

“Ad un certo punto siamo stati letteralmente circondati da carabinieri e funzionari dell’ispettorato del lavoro – racconta uno dei presenti a La Stampa – Ci hanno chiesto i documenti e hanno redatto un verbale di denuncia di lavoro nero”.

“Non siamo un paese in cui vige il caporalato – risponde indignato il sindaco Giovanni Molino – Qui la gente si aiuta, si spacca la schiena tra le vigne, su queste colline. E’ assurdo che un uomo che porta avanti pochi filari da solo, con grande sacrificio, sia considerato un evasore”.

Con la multa in tasca di quasi 20mila euro (3.900 per ogni presente considerato un lavoratore irregolare) il pensionato e i suoi amici si dovranno presentare a Cuneo, nella sede dell’ispettatorato del lavoro, per ribadire la loro posizione. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -