Tagli alla sanità: dimesso dall’ospedale muore poco dopo

Agrigento, muore dopo dimissioni dall’ospedale “San Giovanni di Dio”: otto i medici indagati dalla Procura

Dopo la morte di Sebastiano Bellanca, 63 anni, e la denuncia presentata dai familiari, la Procura della Repubblica di Agrigento, con il sostituto Mattea Delpini, ha iscritto nel registro degli indagati otto medici tutti in servizio all’ospedale “San Giovanni di Dio” nei reparti di Pronto soccorso e Cardiologia.

Bellanca era finito in ospedale perché lamenta forti dolori addominali e, secondo la ricostruzione dei familiari sottoscritta in denuncia, nel corso della notte aveva deciso di recarsi in ospedale temendo di essere vittima di un infarto.

Dopo essere stato sottoposto ad esami clinici era stato dimesso il mattino successivo con i medici che ipotizzavano dei disturbi legati a cattiva digestione.

Ma nel pomeriggio Bellanca si è sentito nuovamente male ed è morto.

Gli otto medici indagati da adesso avranno la possibilità di difendersi dato che il pm ha disposto l’autopsia che verrà effettuata entro lunedì prossimo. Ad eseguirla sarà il professor Procaccianti, direttore dell’Istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo.

Intanto il pm Delpini ha sequestrato le cartelle cliniche.

agrigentonotizie.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -