“Profughi” vogliono pranzare fuori orario, aggrediti cuoco e proprietaria dell’hotel

E’ successo il 18 settembre scorso, a Nimis, nell’hotel “Al Trieste” e che ospita 30 profughi del Gambia dove l’orario per il pranzo, più volte indicato dalla responsabile, va dalle 12 alle 14. Poi la cucina chiude e il cuoco va a riposare.

Quel giorno, un gruppo di migranti ospiti va a Udine e torna alle 15, quando il ristorante è già chiuso, ma due di loro non vogliono sentire ragioni.  Raggiungono la camera del cuoco e la prendono a calci; lui esce e lo minacciano. Minacciano anche la responsabile dell’albergo che tenta di inutilmeente di spiegare che gli orari vanno rispettati. Ma anche lei viene minacciata e i presunti profughi le dicono, con fare arrogante: «Qui non comandi tu».

La donna informa carabinieri, prefetto ed sindaco dice amareggiato:  “chi sbaglia paga. Sono stati allontanati”. (gazzettino)



   

 

 

3 Commenti per ““Profughi” vogliono pranzare fuori orario, aggrediti cuoco e proprietaria dell’hotel”

  1. Non dovevano essere allontanati ma rispediti a casa!

  2. Arrivati a tale arroganza , prepotenza . dimostra il “lascivo” di chi ha la responsabilità di far rispettare le regole. Se poi si aggiunge che questi sono “Ospiti” non paganti a carico del sudore degli italiani che lavora. c’+ da chiedere E’ una Italia ancora.? od è una paripatetica al servizio di chi paga meglio.???
    LE COLPE NON SONO TANTO DI CHI LE COMMETTE , MA DA CHI LE LASCIA COMMETTERE OD OBBLIGA A COMMETTERE.!!!!!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -