Profughi islamici inviati nella Germania Est: “Qui è disgustoso”

 

Da Berlino a una caserma militare abbandonata vicino al confine ceco. La nuova vita di questa famiglia di rifugiati siriani in Germania è un misto di euforia e disperazione.

Un computer ha tracciato il loro percorso e Khawla Kareem e i suoi quattro figli si sono ritrovati a Heidenau in Sassonia, dove i rifugiati non hanno la stessa accoglienza ricevuta nella capitale.

“Per un attimo abbiamo pensato di strappare le carte e rifare la domanda, come fanno gli altri, ma non voglio fare nulla di illegale – spiega Khawla Kareem Habashieh, un’insegnate – Questo è il nostro destino, dobbiamo perseverare fino a quando non ci sarà concessa la residenza e poi potremo scegliere il miglior posto per i miei figli, per la scuola e l’università”.

Dresda, capitale della Sassonia, all’inizio di quest’anno è stata il centro delle proteste contro l’islamizzazione dell’Occidente. Ma le brutte sorprese per la famiglia di Khawla Kareem non sono finite: il nuovo alloggio è una vecchia fabbrica di mobili e non si esce dalla struttura per paura dei movimenti neonazisti.

“La condizioni igieniche sono precarie, è un luogo chiuso senza finestre, non è adatto a un essere umano – dice la giovanissima Reem Habashieh – I bagni sono in comune e sono molto sporchi, è disgustoso. Ci sono solo quattro cabine per tutte le donne e penso che ci siano circa 700 persone lì dentro”.  (euronews)



   

 

 

1 Commento per “Profughi islamici inviati nella Germania Est: “Qui è disgustoso””

  1. Hanno ragione;bisogna trasferirli in Italia,in una villa settecentesca!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -