Tagli alla sanità: “Il ricovero non è necessario”, muore madre di 2 figli

 

SALERNO – Le era appena stato detto che il ricovero non era necessario, ma è morta poco dopo in ambulanza mentre veniva trasportata in ospedale.

È successo a Nocera Superiore. La vittima è Antonietta Petti, 48 anni, mamma di due figli, morta ufficialmente per arresto cardiaco. La Procura ha aperto un fascicolo d’inchiesta in seguito alla denuncia presentata dai familiari, che contestano una scarsa assistenza da parte del personale medico.

Secondo quanto ricostruito da La Città di Salerno, a chiamare il 118 sarebbero stati i parenti della donna, in preda a una crisi d’ansia. Dopo qualche minuto, l’ambulanza è arrivata nel quartiere Taverne, dove si trovava la donna. Il medico in ambulanza avrebbe visitato la signora secondo il protocollo, stabilendo poi che il ricovero non era necessario.

Qualche ora dopo, i parenti avrebbero chiamato un’altra volta il 118, perchè le condizioni della donna si erano aggravate. A quel punto, scrive il quotidiano salernitano, l’ambulanza, con a bordo lo stesso medico della prima visita, questa volta ha portatola donna verso l’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, ma la donna è morta prima di arrivare al pronto soccorso. (da SalernoToday)

 



   

 

 

1 Commento per “Tagli alla sanità: “Il ricovero non è necessario”, muore madre di 2 figli”

  1. Il medico ha osservato quanto previsto dal protocollo eleborato da persone di fiducia del ministro; quindi tutto nella norma, ma se al posto della giovane madre morta ci fosse stata la Lorenzin……………..

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -