Strage di fedeli alla Mecca, centinaia i morti schiacciati dalla folla

 

Oltre 400 morti in una calca avvenuta tra i pellegrini alla Mecca, schiacciati dalla folla durante l’Hajj, il pellegrinaggio annuale. Almeno 719 i feriti, secondo la televisione panaraba Al Jazira. Ma il bilancio potrebbe aggravarsi.

La maggior parte delle vittime è morta soffocata. Secondo Al Arabiya la ressa è stata provocata da “una fuga improvvisa”.

Come riporta Ansa, l’incidente è avvenuto nella località di Mina, alle porte della Mecca, dove i pellegrini si accalcavano per il rituale chiamato della ‘lapidazione del diavolo’, in cui lanciano pietre contro un muro. Diversi incidenti analoghi sono accaduti negli anni passati nella stessa località durante il pellegrinaggio. Non meno di 4.000 soccorritori sono impegnati nelle operazioni per portare aiuto ai feriti.

AGGIORNAMENTO

Assume dimensioni catastrofiche la tragedia della Mecca, in Arabia Saudita, dove e’ salito a 717 il numero dei pellegrini morti schiacciati nella ressa mentre si dirigevano nella Valle di Mina per partecipare alla simbolica cerimonia della lapidazione di Satana. I feriti sono almeno 805, ha riferito la protezione civile saudita.
L’incidente e’ avvenuto nella valle di Mina, a una decina di chilometri dalla Mecca, mentre i fedeli si riversavano dai campi dove dormono al luogo dove compiono il rito della lapidazione dei tre pilastri che rappresentano le tentazioni del diavolo. La calca si e’ formata intorno alle 7 all’incrocio tra le strade 204 e 223. La 204 e’ una delle principali arterie che portano dai campi di Mina a Jamarat, il luogo dove i pellegrini lapidano il diavolo: la ressa si e’ scatenata quando centinaia persone che si allontanavano si sono scontrate con l’enorme flusso di pellegrini che vi volevano accedere.

Per la Mecca e’ una strage persino piu’ grave di quella del 2006, costata la vita a 364 fedeli, folla oceanica che ogni anno si riversa alla Mecca per compiere l’haji, il pellegrinaggio che ogni musulmano in buona salute deve compiere almeno un volta nella vita. L’incidente segue di pochi giorni quella avvenuto l’11 settembre, quando una gru era precipitata sulla Grande Moschea della Mecca durante i lavori di ristrutturazione, causando 107 morti e 238 feriti. Imponenti i soccorsi, con oltre 4mila persone impiegate e almeno 220 ambulanze sul posto.
Quest’anno alla Mecca si calcola che ci siano quasi due milioni di persone (3 milioni secondo Riad), quasi un milione e mezzo stranieri, per cui tra le centinaia di vittime e’ probabile che molti siano stranieri. Il pellegrinaggio, il piu’ grande raduno annuale nel mondo, e’ spesso teatro di resse mortali, causate da disordini o anche incendi. Il governo di Riad, custode dei luoghi santi, ha speso miliardi per mettere al sicuro il percorso, anche con tecnologia molto sofisticata: i fedeli accedono al luogo attraverso tunnel e via elevate e il governo non solo ha ampliato i tre pilastri, ha anche costruito un ponte a tre piani per incrementare la superficie di spazio a disposizione dei pellegrini e aumentare il numero di entrate e uscite al luogo del rituale.

Non solo piu’: sul posto, operano oltre 100mila agenti che, con l’ausilio di migliaia di telecamere, dovrebbero consentire ai fedeli di disperdersi prima che la folla raggiunga livelli di densita’ al limite. Gli altoparlanti inoltre incitano di continuo a non accalcarsi. Ma l’Iran, l’altra grane potenza regionale, ha subito puntato il dito su presunte falle nella sicurezza: il responsabile dell’organizzazione iraniana dell’haji, Said Ohadi, ha riferito che per “ragioni sconosciute” e’ stata chiusa una strada vicino al luogo della cerimonia, dove poi e’ avvenuta la calca mortale.

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -