Cinema: bimba di 5 anni elude la sicurezza e porta lettera al papa “Aiuta i migranti”

Avvolta in colorato abito tradizionale e con i capelli raccolti in due grandi trecce ha sfidato l’imponente sistema di sicurezza messo in piedi per proteggere Papa Francesco ed è riuscita nel suo obiettivo: incontrare il Pontefice per consegnarli una lettera e raccontare la sua storia. Migliaia di persone aspettavano di salutare con ansia il “papa del popolo” ieri al National Mall di Washington, ma Sophie Cruz, cinque anni figlia di immigrati messicani che vivono clandestinamente in California, si è fatta notare da Bergoglio che le ha voluto parlare.

La piccola, con fantasia e tenacia, ha scavalcato le barricate e ha iniziato a camminare verso la papamobile che si stava avvicinando. Le guardie di sicurezza l’hanno fermata ma quando è arrivato il corteo papale, Francesco ha chiesto di fermarsi e fatto cenno a una guardia di portargli la bambina.

papa_bimba

Sollevata da un uomo della sicurezza, Bergoglio l’ha abbracciata per qualche secondo, prima di accettare una lettera e un disegno che lo raffigura mentre tiene la mano a bambini di razze diverse e una scritta che recita: “Io e i miei amici ci vogliamo bene, senza porre importanza al colore della nostra pelle. Firmato Sophie Cruz”.

Quanto al contenuto della lettera, Sophie lo ha recitato a memoria ai media americani: “Voglio dirvi che il mio cuore è triste. E vorrei chiederle di parlare con il presidente e il Congresso per regolarizzare i miei genitori, perché ogni giorno ho paura che li portino via da me”. “Credo di avere – ha proseguito la bambina – il diritto di vivere con i miei genitori, e di essere felice. Il mio papà lavora molto in una fabbrica. Tutti gli immigrati, esattamente come mio papà, aiutano a mandare avanti questo paese. Meritano di vivere con dignità e rispetto. Meritano una riforma sull’immigrazione”.

adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -