Romeno lega la moglie nuda a un albero “per farle capire chi comanda”

Lega la moglie nuda all’albero una notte intera per farle capire “chi comanda”

romeno

Quella raccontata dal quotidiano il Gazzettino è una storia agghiacciante. Un romeno che vive a Pordenone è stato condannato ieri a 3 anni e mezzo di carcere per le violenza perpetrate ai danni della moglie. Violenze proseguite per un decennio, iniziate quando la coppia viveva ancora in Romania. All’ex moglie e alla figlia è stata riconosciuta una provvisionale di 15 mila euro, oltre al pagamento delle spese processuali. Il danno verrà poi quantificato in sede civile.

bergoglioIl processo è stato doloroso. La donna ha raccontato di violenze tremende, disumane. Ad esempio appena sposata, quando ancora vivevano in Romania, lui l’avrebbe spogliata, le avrebbe tagliato i capelli e legata per una notte intera a un albero per farle capire chi comandava in casa.

La moglie quotidianamente veniva minacciata di morte, subiva maltrattamenti e insulti. Trattamento simile anche per la figlia. Solo dopo anni la madre ha deciso di andare in una struttura protetta, ma il marito ha continuato a vessarla. Una volta il padre ha inseguito in auto la figlia, urtando la sua vettura: la giovane rimase contusa.

Ha continuato con le minacce di morte, lasciando anche sull’auto della ex dei fiori bianchi che in Romania simboleggiano il lutto.

today



   

 

 

1 Commento per “Romeno lega la moglie nuda a un albero “per farle capire chi comanda””

  1. Meno male che qualcuno ha predetto che”lo stile di vita dei migranti presto sarà anche il nostro stile di vita”!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -