Usa, candidato Carson: Non vorrei un musulmano alla Casa Bianca. Ira degli islamici: si ritiri

 

Gli Stati Uniti non dovrebbero eleggere un Presidente musulmano. Ne è fermamente convinto Ben Carson, il neurochirurgo in pensione, candidato repubblicano alle presidenziali del 2016. Un’affermazione fatta durante un’intervista nel programma ‘Meet the press’ del canale Nbc.

“No, non sono d’accordo. Non darei il mio appoggio all’elezione di un musulmano come Capo dello Stato. Sono assolutamente contrario” ha detto Carson, secondo il quale la religione di un candidato Presidente “deve essere coerente con i valori americani e con la costituzione americana”. In realtà la Costituzione degli Stati Uniti afferma esattamente il contrario, sottolineando come la religione non possa in alcun caso essere un elemento dirimente per la vita pubblica e istituzionale.

Il Consiglio per le relazioni islamico-americane (Cair) ha chiesto che Carson si ritiri.

“La sua posizione è incompatibile con la Costituzione degli Stati Uniti” ha detto Nihad Awad, Direttore e cofondatore del Cair. “Per questo lanciamo un appello urgente alla classe politica, all’opinione pubblica, ai rappresentanti delle comunità e ai candidati alla presidenza affinchè prendano le distanze da tale posizione. Chiediamo a Ben Carson di ritirarsi dalla corsa alla Casa Bianca perché è inadeguato alla presidenza”.

A trarre vantaggio dalla vicenda è la candidata democratica Hillary Clinton. Certo che un musulmano può diventare Presidente. Archiviamo la vicenda e andiamo avanti. Così ha liquidato la polemica con un Tweet. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -