Torino invasa dai caravan: funerali di massa per il capo dei rom musulmani

 

Un funerale che rischia di trasformarsi in uno scandalo come furono le esequie del boss dei Casamonica, a Roma. Solo che siamo a Torino e il defunto è il capo famiglia dei rom musumalmani, i “khorakhanè“, del campo nomadi di strada dell’Aeroporto. Sono molti i nomadi che, per dare l’ultimo saluto a Sadko, sono arrivati nel capoluogo torinese: le roulotte si sono posizionate tra piazza della Repubblica e l’ospedale Cottolengo e si attendo ancora altri parenti in arrivo dalla Bosnia, motivo per cui le esequie sono state rinviate.

Sadko era una delle figure di spicco dei rom musulmani. Nato a Mostard, si era trasferito a Torino quando era ancora piccolo, ma non ha mai perso i contatti con i famigliari che vivono in Bosnia, quei famigliari che starebbero arrivando a fiumi a Torino. E’ scomparso l’altra mattina, all’età di 51 anni, dopo un lungo ricovero. Ora, è polemica sui funerali: “Chiedo formalmente alla Questura di proibire funerali zingari di massa in strada per decoro cittadino e per le sicure ragioni di ordine pubblico – afferma in Sala Rossa il capogruppo di Fratelli d’Italia Maurizio Marrone – alla luce delle risse tra ubriachi già avvenute in questi giorni”. Sì, perchè la paura che le esequie di Sadko possano essere analoghe a quelle avvenute a Roma per il boss dei Casamonica sussiste.

Intanto si alza il velo su un altro scandalo: ovvero l’assegnazione dei posti negli insediamenti autorizzati, ovvero i campi nomadi di proprietà comunale, a pluripregiudicati per reati anche molto gravi. Secondo quanto affermato dal consigliere Marrone – che avrebbe effettuato un accesso agli atti sul casellario penale – nel campo comunale di strada dell’Aeroporto, il medesimo dove risiedeva il capoclan serbo musulmano, da cui partono gli assalti al bus 69 di Borgaro e in cui sono stati recentemente sequestrati milioni di euro falsi, droga e armi, l’81% dei nomadi regolarmente ospitati dal Comune, al netto di abusivi dei tanti minori, avrebbe precedenti penali anche gravi: dal furto anche in abitazione alla ricettazione, dalle lesioni e resistenza/oltraggio a pubblico ufficiale fino a falsificazione di identità, dalla rapina alla guida in stato di ebbrezza, dal porto illegale di armi all’impiego di minori nell’accattonaggio.

“La commissione nomadi della polizia municipale sta valutando la revoca o meno dell’autorizzazione – ha affermato l’assessore alla Polizia Municipale Giuliana Tedesco. – Per quanto mi riguarda, io sarei d’accordo per la revoca”.

torinotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -