Milano: sgominata gang di ”latinos”, 15 arresti

sudameric

 

Una maxi operazione della polizia di stato e’ in corso nei confronti della banda salvadoregna ‘Barrio 18′. Decine di uomini della squadra mobile di Milano stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Milano, Paolo Guidi su richiesta del sostituto procuratore, Enrico Pavone nei confronti di 15 soggetti, per lo piu’ salvadoregni, indagati a vario titolo di associazione per delinquere, tentato omicidio, rapina aggravata, spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione, lesioni personali aggravate e detenzione e porto di armi da sparo e da taglio; fatti commessi a Milano tra il gennaio e l’ottobre 2014.

Un 27enne salvadoriano e’ stato bloccato in mattinata a Milano. Ma le ‘pandillas’, le gang di strada latinoamericane, non sono solamente un fenomeno etnico: secondo le prime informazioni che filtrano dalla questura tra gli indagati ci sono anche due italiani, un uomo e una donna.

La ‘Barrio 18′ e’ una delle piu’ pericolose e diffuse gang di ‘latinos’ al mondo. Nata a Los Angeles da immigrati salvadoregni di seconda generazione, la banda conta oggi decine di migliaia di affiliati solamente in California, ed e’ presente in tutta l’America Centrale, ma anche in Spagna, Australia, Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania e, da qualche anno, anche Italia. Da semplice gang di strada, dedita a furti, rapine e piccolo spaccio, alcuni dei suoi gruppi sono divenuti sempre piu’ sofisticati e hanno alzato il tiro commettendo reati sempre piu’ ambiziosi: sono stati uomini della ‘Barrio 18′, nel 2009, a rapire e uccidere il fratello 16enne di Wilson Palacios, ex giocatore del Birmingham City e centrocampista della nazionale honduriana. AGI



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -