Bossi condannato a 18 mesi per vilipendio a Napolitano

napolit

 

Il presidente della Lega Nord Umberto Bossi è stato condannato dal tribunale di Bergamo ad un anno e 6 mesi di reclusione per vilipendio del presidente della Repubblica e del presidente del Consiglio dei ministri. I fatti si riferiscono al  2011, quando Bossi, alla festa ‘Bèrghem frecc’ di Albino attaccò dal palco Giorgio Napolitano e Mario Monti.

In occasione della festa invernale della Lega, l’allora segretario federale definì Napolitano ‘terùn’, riservando a Monti allusioni di carattere sessuale.

I fatti risalgono al 29 dicembre del 2011, quando Bossi disse durante un comizio: “Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica. Napolitano, Napolitano, nomen omen: non sapevo fosse un terùn…”, facendo anche il gesto delle corna.



   

 

 

2 Commenti per “Bossi condannato a 18 mesi per vilipendio a Napolitano”

  1. Lesa maestà…

  2. Più che reati, si tratta di una censura al diritto di critica, se era un comunista, non sarebbe stato condannato. Ormai è diventato reato parlare e la giustizia italiana è la peggiore del mondo, perchè si fanno i processi sulle liti da cortile e si intasano i tribunali.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -