Bergoglio destina un ambulatorio mobile a profughi e clandestini

 

Per decisione di Papa Francesco, un moderno ambulatorio mobile, donato dalla Baviera al Papa e fino ad oggi utilizzato dai servizia sanitari vaticani in occassione degli eventi in piazza San Pietro, e’ stato messo a disposizione alcune volte a settimana per assistere i profughi nei centri di accoglienza, anche non regolari, situati nelle periferie della Citta’ di Roma.

Lo annuncia l’Elemosineria Apostolica. I volontari, elenca il comunicato, sono medici, infermieri e Guardie Svizzere, sono dipendenti dello Stato Vaticano, dell’Universita’ di Tor Vergata e membri dell’Associazione di Istituto di Medicina Solidale Onlus. “Papa Francesco ci e’ sempre stato accanto nel nostro lavoro quotidiano nelle periferie della citta’ e l’ambulatorio medico messo a disposizione delle nostre attivita’ rappresenta una speranza per tanti uomini, donne e bambini che vivono l’emarginazione nei campi improvvisati e nelle periferie piu’ sconosciute di Roma”, afferma Lucia Ercoli, direttore dell’Istituto di Medicina Solidale, in merito all’ambulatorio mobile che sara’ utilizzato per assistere i profughi nei centri di accoglienza, anche non regolari, situati nelle periferie di Roma, sul quale faranno servizio anche i volontari dell’associazione.

“Questo gesto – sottolinea la dottoressa Ercoli – va proprio nel senso del Giubileo straordinario dedicato alla Misericordia che guarda agli ultimi dopo gli ultimi e ci stimola tutti a fare di piu’ per rivitalizzare quel senso di comunita’ solidale che la nostra citta’ ha smarrito negli ultimi tempi. Ancora una volta il Pontefice sta avanti a tutti”.  AGI



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -