Siria, Prodi: “questa è una guerra per procura”

“Occorre un accordo con la Russia e per la sostituzione successiva di Assad, altrimenti lo Stato terrorista prende sempre più piede e diventa dominante”. Lo ha detto l’ex premier, Romano Prodi, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, sottolineando come questa sia “una guerra per procura in cui le grandi potenze sono arbitri ma anche quelli che possono spegnere il fuoco se raggiungono un accordo tra loro”.

“La Siria è un dramma”, ha proseguito Prodi, e anche “l’Occidente si trova in una situazione drammatica: mentre la Russia alleata ad Assad ferocemente contraria al terrorismo appoggia Assad contro i terroristi, l’Occidente è nemico di Assad e dei terrorismi“.

“Gli interventi sul terreno” ha spiegato l’ex premier – nessuno è in grado di farli. Gli Stati Uniti che posseggono l’unica forza militare hanno l’esperienza della guerra in Iraq e Afghanistan e l’opinione pubblica americana, anche la più interventista, non tollera più il ritorno di cadaveri. Quindi mandano droni e aeroplani ma gli scarponi li può fornire solo lo scalcinato esercito di Assad”.

“Il problema – ha rilevato Prodi – è che l’Ucraina avvelena i rapporti tra Stati Uniti e Russia, qui è la complicazione”. Secondo Prodi, “il califfato è un’aspirazione sunnita che si ripete continuamente nella storia. Per moltissime persone è un specie di grande mito. Un ritorno all’antica potenza”.

Vigliaccheria USA, guerra per procura contro la Russia combattuta in Ucraina

L’Isis “sotto un aspetto” presenta aspetti di “fragilità” perché “essendo territoriale, non è come il terrorismo ‘spot’ che viene fatto da Al Qaeda, ma ha un’enorme forza di espansione perché sta agendo in più parti del mondo. Il califfato nasce con ambizioni territoriali che vogliono fondersi tra di loro. Questo lo ritengo molto pericoloso”.

“Alcuni generali americani dicevano che l’Isis era debole – ha concluso Prodi – ma è un anno che in Siria tentano di arginarlo ma non riescono. E’ due anni che in Libia tentano di arginarlo ma non riescono”.

Adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -