Legge di Stabilita’, Padoan: “chiederemo alla Ue piu’ flessibilita’”

L’esecutivo punta a una maggiore flessibilita’ dall’Ue. Lo ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan alla Camera.

“Il governo sta valutando il modo piu’ efficace per ottenere ulteriori margini di flessibilita’ previsti dalle regole europee sia in termini di sforzo di riforme strutturali che viene ampiamente riconosciuto sia in termini di investimenti”, ha spiegato ricordando che l’utilizzo della clausola delle riforme da parte del Governo italiano e’ stato al “di sotto della totale ammissibilita‘” e il Belpaese “non ha ancora utilizzato i margini previsti dalla clausola per gli investimenti”

La legge di stabilita’ che sara’ presentata il 15 ottobre, ha aggiunto Padoan, “facilitera’ l’ulteriore definitiva uscita da una fase di recessione prolungata, non un’uscita ciclica ma strutturale che richiede appropriati sforzi”.

Il ministro ha anche annunciato che il Def sara’ sul tavolo del governo venerdi’ prossimo. “Non c’e’ nessuna intenzione del governo di far crescere indebitamento e farlo veleggiare verso il 3%, l’indebitamento per quest’anno sara’ al 2,6%”, ha specificato.
Sui temi fiscali il titolare del dicastero ha proposto di eliminare la Tasi anche per chi e’ in affitto.

Confermata la bufala del 3% sul deficit/Pil, ci stanno ammazzando per nulla

“Appare corretto che l’intervento sia finalizzato all’eliminazione della Tasi sia per i possessori sia per i detentori di immobili anche per evitare disparita’ di trattamento tra i contribuenti” agi

L’incredibile ciarlataneria del deficit massimo al 3%

UE: ennesimo ricatto basato sulla ciarlataneria del 3% del deficit

Il vincolo del 3% nel rapporto deficit/Pil è un disastro

Squinzi: siamo in deflazione, il 3% del deficit congela la possibilita’ di crescita

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -