Torino: Maxi operazione al campo nomadi, sequestrati 27 milioni di euro falsi

nomadi-euro-falsi

 

Ha dell’incredibile la quantità di materiale illegale rinvenuta dai carabinieri e della polizia municipale in seguito ad una doppia operazione di controllo avvenuta nel campo nomadi di Strada dell’Aeroporto tra il 24 e il 25 agosto e oggi. I militari, intervenuti principalmente per cercare armi e materiale informatico, hanno sequestrato 27 milioni di euro con la scritta “fac-simile”.

Nella mattinata odierna sono state arrestate tre persone per resistenza a pubblico ufficiale, mentre nove persone sono state denunciate per maltrattamento di animali, possesso di una pistola alterata priva di tappo rosso, detenzione di droga e di 10 milioni di euro, 1,4 milioni di franchi e svizzeri e 15 miloni di euro. Tutti rigorosamente falsi.

Gli arresti dei militari sono il frutto delle identificazioni effettuate il 24 e 25 agosto scorso quando, nel blitz, erano state identificate 60 persone, perquisiti 15 alloggi e 20 automobili. La prima parte dell’operazione era costata le manette per N.S., 45 anni, un pusher trovato in possesso di due bilancini di precisione, varie quantità di droga e 543 mila euro falsi.

I militari, inoltre, avevano rinvenuto due piante di marijuana appartenenti a ignoti, una carabina ad aria compressa ed emesso un decreto di espulsione nei confronti di una persona sprovvista di permesso di soggiorno. La maxi operazione è stata eseguita dai carabinieri in collaborazione con polizia municipale, unità cinofile, nuclei nomadi e sequestri e rimozioni.

torinotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -