Miss Italia, italo-nigeriana Osaremen: “So cos’è il razzismo fin dall’asilo”

Osaremen-miss-italia

 

Italiana al 100% anche se di colore per le sue origini nigeriane per parte materna, eppure – o forse proprio per questo – “fin dall’asilo so che cos’e’ il razzismo: mi chiamavano scimmia, negra di m…”.

Osaremen Mangano, per gli amici Sarime, e’ una italo-nigeriana finalista di Miss Italia e in un’intervista al settimanale Diva e Donna, in edicola domani, racconta come e quanto sia stata vittima del razzismo nel nostro Paese. Nata in Valle d’Aosta, ha conosciuto solo da poco la madre nigeriana: “in famiglia non l’avevano accettata, mi dicevano ‘Ti ha abbandonato’”.

Nell’intervista racconta alcuni aspetti della sua vita: la perdita del padre all’eta’ di sei anni in circostanze misteriose (ufficialmente per overdose, “ma qualcuno mi ha detto che potrebbe essere stato ucciso”) e l’allontanamento forzato della mamma Rita da parte dei parenti.

“A mia madre – racconta Sarime – non e’ stato permesso neanche di andare al funerale di mio padre. Poi mi ha detto che le hanno fatto firmare un foglio in cui accettava di perdere i diritti sui figli. Cosi’ io e mio fratello siamo andati dagli zii, a Vigevano. All’inizio ci hanno detto che mamma era morta, ma alla fine abbiamo scoperto che era a Biella e qualche mese fa siamo riusciti a ritrovarla”. Sia a La Salle, in Valle d’Aosta, dove Osaremen ha vissuto la sua infanzia, che a Vigevano, nel bel mezzo della campagna lombarda dove ha compiuto gli studi diplomandosi geometra, Osaremen ha dovuto fare i conti con il razzismo.

Oggi la giovane finalista vive con il fidanzato e fa la dj in alcuni locali.  Ora per lei la grande chance offertale dal concorso organizzato da Patrizia Mirigliani. “Diciannove anni dopo Denny Mendez, se vincessi io farebbe ancora scalpore – dice convionta Osaremen – purtroppo il razzismo esiste ancora, l’ho vissuto fin da bambina anche se sono italiana al 100%. La corona per me sarebbe una rivincita…”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -