Germania: Stop ai “profughi”. Totale fallimento UE, confini non protetti

Merkel

 

Fine degli appalusi in stazione e delle esibizioni demagogiche pro-migranti. Il ministro dei Trasporti tedesco Alexander Dobrindt ha denunciato oggi il “totale fallimento” dell’Unione europea nel controllo delle sue frontiere esterne di fronte al grande flusso di stranieri di queste settimane.

La Germania reintrodurrà  i controlli di frontiera per far fronte alla crisi dei migranti. Lo annuncerà, rivela la stampa tedesca online, il ministro dell’interno, Thomas de Mazière, oggi pomeriggio. Dalle 17 intanto è scattato il blocco dei treni dall’Austria. Attualmente 1.800 profughi si trovano a bordo di treni in Austria diretti in Germania.

La polizia tedesca starebbe per inviare 2.100 agenti in Baviera al confine con l’Austria, nell’ambito del ripristino temporaneo dei controlli sui confini cui Berlino starebbe pensando in relazione alla crisi dei rifugiati. Lo ha riferito il giornale tedesco Bild. Il ripristino dei controlli sarebbe concentrato inizialmente sulla frontiera austriaca, si legge, dopo che il governo della Baviera ha chiesto al governo di aiutare a gestire il massiccio afflusso di rifugiati. Il ripristino dei controlli alle frontiere interne dell’Unione europea rappresenterebbe una violazione dell’accordo di Schengen. Per ora il governo tedesco non ha commentato

“Misure efficaci sono ora necessarie per fermare il flusso al cospetto del fallimento totale dell’Ue”, “la cui protezione delle frontiere esterne non funziona più”, ha scritto in un comunicato.

Secondo Dobrindt, “i limiti di capacità” di accoglienza della Germania “sono stati raggiunti” e “questo segnale deve essere inequivocabilmente capito” da altri paesi europei. “La Germania fornisce da mesi un contributo sulla questione dei rifugiati in misura ben superiore a quella di tutti gli altri paesi europei”, ha insistito il ministro di Berlino.(fonte afp)

Germania: risse tra turchi e profughi curdi, a Francoforte è l’inferno

In Germania comincia ad essere fin troppo chiaro che l’integrazione sperata dalla Merkel sarà davvero molto difficile. L’ingresso di decine di migliaia di “profughi” è cominciato malissimo e la polizia ha dovuto lottare non poco fra le strade di Francoforte quando turchi e profughi curdi si sono affrontati in risse violente per strada.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -