Germania: Stazione di Monaco verso il collasso: troppi rifugiati in arrivo

Migliaia di rifugiati continuano ad affluire alla stazione di Monaco di Baviera ma non ci sono più persone sorridenti ad applaudirli al loro arrivo. Soprattutto il personale, volontari e non, e le strutture di accoglienza sembrano ormai al collasso.

germania-profughi2

Solo questo fine settimana sono attese “almeno 10mila persone” nella capitale bavarese, ha precisato Eva Hinglein, portavoce del Land. Solo tra mezzanotte e le 10:30 di questa mattina sono arrivate 3.600 persone. Se il ritmo continuerà inalterato, gli arrivi saranno 20mila in soli due giorni, un record. Alla stazione restano ancora alcuni striscioni di benvenuto, ma l’atmosfera è molto diversa dall’accoglienza festosa riservata ai primi profughi arrivati la settimana scorsa.

Appena scesi dai treni provenienti dall’Austria e dall’Ungheria, i profughi sono presi in consegna dalla polizia e condotti nei centri di accoglienza, da dove poi vengono smistati nei vari Laender. “Non è colpa loro (dei tedeschi, ndr), è solo che c’è troppa gente”, ha detto un rifugiato siriano di 22 anni. “Comunque almeno ci accolgono tutti e ci danno tutto, cibo, acqua, vestiti. Sono tutti così gentili in Austria e Germania”, si meraviglia il ragazzo

Secondo alcuni media tedeschi è in progetto l’allestimento di un enorme centro di accoglienza nel Nord della Germania per togliere un po’ di carico alla Baviera, ma il govenro non ha confermato. Per far fronte all’emergenza la città di Monaco, con l’aiuto dell’esercito, ha approntato delle brande sul sito della fiera ma questa notte molti rifugiati saranno costretti a dormire per terra. (fonte afp)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -