Assad: saranno i Siriani a decidere il loro Presidente, non Cameron

assad2

La Siria ha respinto la proposta britannica per una possibile transizione politica guidata dal presidente Bashar al-Assad per un periodo di massimo sei mesi prima delle sue dimissioni, espressione di un approccio piu’ pragmatico di Londra nei confronti del regime di Damasco. In un’intervista in esclusiva al Guardian, il ministro dell’Informazione Omran al-Zoubi ha rivendicato per i siriani il “diritto di decidere” sulla permanenza al potere del “loro presidente”, puntando il dito contro le politiche “irrazionali e illogiche” di Londra che cosi’ facendo attacca l’unico Paese seriamente in lotta contro l’Isis e il terrorismo.

GB, Cameron: Assad potrà restare presidente della Siria per 6 mesi

Ieri, il ministro degli Esteri britannico, Philip Hammond, aveva ammorbidito i toni contro Assad nell’ottica di un coinvolgimento di Iran e Russia, alleati di Damasco, in una soluzione pragmatica della crisi siriana. Una correzione di rotta motivata dalla necessita’ di affrontare il flusso crescente di migranti siriani diretti in Europa e la minacca jihadista. “Non stiamo dicendo che Assad, insieme ai suoi accoliti, debba andare via immediatamente”, ma potrebbe restare in carica per un periodo di transizione di massimo sei mesi.
Immediato invece dovrebbe essere lo smantellamento del suo apparato di sicurezza.

L’idea di un governo di transizione era gia’ contenuta nei principi di Ginevra del 2012 per mettere fine alla guerra civile ma e’ la prima volta che viene indicata una dimensione temporale. Pochi giorni fa era stato il ministro degli Esteri austriaco, Sebastian Kurz, in visita a Teheran, a esprimere una pragmatica apertura verso Damasco, auspicando il coinvolgimento di Assad, insieme a Russia e Iran, nella lotta contro l’Isis.
“La priorita’ – aveva sottolineato – e’ la lotta contro il terrorismo. Non dobbiamo dimentica i crimini commessi da Assad ma neanche che in questa lotta” contro gli jihadisti “siamo dalla stessa parte”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -