Ungheria: profughi sfidano le Forze dell’Ordine e rifiutano l’identificazione

 

In Ungheria, dove i rifugiati cercano in ogni modo di sfuggire ai blocchi delle forze dell’ordine per non essere registrati nel Paese e poter chiedere asilo altrove.

A Roszke, circa 300 migranti hanno spezzato un cordone di polizia intorno a un centro di identificazione e sono scappati a piedi per cercare di raggiungere Budapest, nonostante i gas urticanti.

“Nei prossimi giorni – spiega Caroline Van Buren, dell’agenzia dell’Onu per i rifugiati – l’UNHCR creerà qui un centro di transito. Metteremo delle tende, forniremo coperte, cibo e acqua. Stiamo anche lavorando con le autorità in modo da abbreviare il tempo che la gente passa nei cosiddetti punti di raccolta.”

Gestire il costante afflusso di profughi in arrivo quotidianamente dalla Serbia è sempre più complesso per le autorità e le forze dell’ordine ungheresi, anche perché i migranti non si fidano più delle informazioni della polizia e sono restìi a seguirne le indicazioni.

I rifugiati hanno fretta di lasciare il Paese prima che entrino in vigore, nelle prossime settimane, misure più rigide contro l’immigrazione ed espulsioni facili. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -