Immigrati, Boldrini: rigettare quelle discriminazioni su base religiosa

 

“‘Voi che fareste? Con un figlio attraversereste qualsiasi mare’”. E’ stato un discorso di grande impatto quello che il Presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, ha dedicato alla crisi dei rifugiati parlando dello Stato dell’Unione davanti all’Europarlamento”.
Cosi’ la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini.

“Il Presidente ha ricordato una semplice verita’ che troppo spesso la demagogia prova a rimuovere: che sino a quando ci sara’ la guerra, nessun muro potra’ fermare chi difende la vita propria e dei propri cari. Perche’ pace e sicurezza sono un diritto e un bisogno di tutti gli esseri umani, non soltanto di noi abitanti dell’Occidente ricco”, osserva.

Serbia: clandestini si disfano dei documenti e si fingono siriani

“L’Europa deve aver memoria della storia dei suoi popoli, che e’ stata molto spesso storia di rifugiati, ed essere fedele ai suoi valori, rigettando quelle discriminazioni su base religiosa che nel nostro continente sono arrivate a provocare l’orrore dell’Olocausto”, sottolinea Boldrini.

Ungheria: invasione di musulmani a Debrecen, sono tutti uomini

“E’ indispensabile ormai strutturare un sistema di asilo europeo, che oltre alle quote per ciascuno Stato preveda standard uniformi di protezione e di assistenza. Juncker ha inoltre analizzato con molta lucidita’ i ritardi della costruzione europea che anche la vicenda dei rifugiati ha messo fin qui in evidenza, sottolineando che ‘in questa Ue manca l’Unione e manca l’Europa’. E’ una denuncia, la sua, che in molti nell’Unione condividiamo”, prosegue. “La strada da percorrere per uscire dalle difficolta’ e’ un deciso cammino verso l’integrazione politica, che abbia come obiettivo l’unione federale degli Stati. Sara’ questo il tema al centro della Dichiarazione che lunedi’ prossimo verra’ presentata a Montecitorio e che sara’ firmata congiuntamente dai Presidenti della Camera dei deputati, del Bundestag tedesco, dell’Assemblee Nationale francese e della Chambre des Deputes lussemburghese”, conclude. (AGI) .

In questa marea di presunti profughi che invade con prepotenza l’Europa, perfino i bambini gridano “Allah akbar”



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -