Cardinale Scola: anche le famiglie aprano le porte ai profughi

«Nella società plurale, dobbiamo sforzarci, nella libertà, di rigenerare un costume comune, proprio a partire dall’accoglienza di chi è in difficoltà, per esempio in questo momento dei profughi. Rinnovo l’appello alle parrocchie ad aprire le porte. E questo invito è rivolto anche alle singole famiglie, perché non esiste separazione tra singoli e chiesa. Ogni famiglia è parte della Chiesa. L’accoglienza è compito di tutti, non solo delle istituzioni».

scola-islam-milano

Lo ha detto l’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, parlando con i giornalisti dopo la Messa in Duomo con cui ha aperto l’anno pastorale. Di fronte alle ondate di profughi che in approdano sui confini europei, il Cardinale ha anche precisato i compiti e i ruoli che spettano al mondo ecclesiale e quello politico: «La Chiesa deve fare la generosamente la prima accoglienza, nella logica del buon Sammaritano: ma non può fare molto di più anzi sta già facendo tanto, sostituendosi al welfare pubblico. Le istituzioni, invece, devono dare un risposta politica. E da questo punto di vista le ultime decisioni di alcuni governi, ad esempio di Germania, Francia e Austria sono molto importanti perché consentono di passare da una visione emergenziale ad una strutturale del problema. L’emigrazione cui assistiamo è un processo storico che riguarda milioni di persone nel mondo, non può essere ridotta a emergenza. I processi non si possono arrestare, ma vanno governati».

Nella nuova lettera pastorale “Educarsi al pensiero di Cristo”, da oggi in distribuzione in tutte le librerie, il Cardinale ha parlato del legame tra carità e cultura. «Non è possibile aprire la casa ai profughi, visitare gli anziani in ospedale senza che affiori la domanda: “perché lo faccio?”. La carità che non arriva a quella domanda è filantropia. Si tratta di far emerge da queste esperienza le ragioni, attraverso una lettura teologica della povertà».

anno aperti non solo ai membri dei consigli pastorali ma a tutti i fedeli. La visita si concluderà nel mese di maggio del 2017.

Adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -