Turchia: il Qatar vuole unirsi alla guerra contro Isis

qatar-isis

 

Il Qatar potrebbe unirsi agli attacchi aerei effettuati dalla Turchia in Siria contro lo Stato islamico (Isis) nell’ambito della coalizione internazionale a guida Usa. Lo riferisce il quotidiano turco “Hurriyet” spiegando che le autorita’ di Doha starebbero trattando con quelle di Ankara il possibile utilizzo delle basi aeree nella regione sudorientale di Diyarbakir, ovvero Batman e Malatya, oltre a quella di Incirlik ad Adana gia’ utilizzata dai militari statunitensi, anche se per il momento le autorita’ turche non rivelano ne’ il numero degli aerei utilizzati dal Qatar ne’ l’eventuale durata delle operazioni.

DA Qatar e Kuwait (alleati USA) 2 miliardi di dollari a ISIS

Siria: i raid Usa rafforzano Isis, conquistati 7 villaggi nel nord

Raid USA rafforzano Isis: attaccata raffineria di Baiji in Iraq

Senza i raid USA Isis non avrebbe potuto guadagnare territorio.

I raid USA rafforzano Isis: conquistata Al Qaryatain

Grazie ai raid USA: ISIS avanza in Iraq, conquistato anche il governatorato di Anbar

Raid Usa, ISIS in Iraq conquista due città in due giorni

Con i raid USA Isis avanza, è a soli 2 km da Kobane. Si temono stragi e massacri

Grazie ai raid USA, Isis avanza di 5 km verso la Turchia

Raid Usa, lo Stato Islamico avanza anche in Iraq: conquistata la citta’ di Heet

Siria, ministro degli Esteri: i raid Usa non hanno indebolito Isis (infatti non hanno mai avuto questo scopo)

Il presidente francese, Francois Hollande, ha confermato oggi in conferenza stampa che Parigi partecipera’ ai raid aerei della coalizione internazionale contro lo Stato islamico in Siria. I bombardamenti francesi finora si erano limitati a colpire l’Iraq per non rafforzare il regime del presidente siriano Bashar Assad.

Intanto l’Iraq ha fatto entrare in azione per la prima volta gli aerei da guerra F-16 acquisiti recentemente dagli Stati Uniti contro lo Stato islamico. Lo ha annunciato il comandante delle forze aeree Anwar Hama Amin, aggiungendo che “quindici attacchi aerei sono stati effettuati negli ultimi quattro giorni”. I velivoli sono entrati in azioni nella provincie di Salah al Din e Kirkuk.  Il loro ingresso nel conflitto, tuttavia, non e’ visto come un punto di svolta nella lotta contro l’Isis, visto che da mesi ormai i cacciabombardieri della coalizione internazionale bombardano i jihadisti senza ottenere risultati tangibili. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -