“Rischio terrorismo”, Paesi ricchi del Golfo non accolgono i profughi siriani

 

golfo

La politica restrittiva adottata finora dagli Stati europei nei confronti dei profughi ha suscitato grande sdegno internazionale, ma ci sono altre aree del mondo che adottano una politica ancora più restrittiva, chiudendo completamente le loro porte ai siriani. Si tratta, in particolare, di sei paesi ricchi del Golfo: Qatar, Emirati, Arabia Saudita, Kuwait, Oman e Bahrain. Amnesty International li ha accusati di recente di aver “offerto zero posti per il collocamento dei rifugiati siriani”.

Accuse analoghe sono state mosse da Kenneth Roth, direttore si Human Right Watch. Come hanno sottolineato molti osservatori, si tratta di paesi che dispongono di grandi risorse, oltre a essere geograficamente vicini alla Siria, alla quale sono affini anche per lingua e religione. Si tratta, inoltre, dei paesi arabi che destinano il più alto budget alle spese militari e che hanno tra i più alti standard di vita.

Si tratta, infine, di paesi che, in varia misura, hanno contribuito ad alimentare il conflitto siriano, finanziando e armando vari gruppi ribelli che combattono contro il regime di Bashar al-Assad. Ma nessuno di questi paesi ha aderito alla convenzione Onu sui rifugiati, del 1951. Per entrarvi, quindi, i siriani necessitano di un visto. Ma ottenerlo in questo momento è quasi impossibile.

Per giustificare il loro atteggiamento, i governi del Golfo ricorrono ad argomentazioni come la sicurezza, la minaccia del terrorismo e il rischio che si stravolga il mercato del lavoro a danno dei loro cittadini. Ma il Washington Post sottolinea che la scarsa generosità della regione nei confronti dei siriani non riguarda solo l’accoglienza. La regione ha infatti destinato, complessivamente, circa un miliardo di dollari ai profughi siriani, mentre gli Stati Uniti da soli ne hanno versati circa quattro volte tanto.

Il dato colpisce soprattutto se paragonato all’enorme investimento saudita in Yemen, dove ha lanciato una campagna militare contro i ribelli sciiti, innescando una guerra di cui per ora non si vede la fine. Bobby Ghosh, direttore del sito Quartz, ha sottolineato come i paesi del Golfo disporrebbero di tutti gli strumenti per l’accoglienza.

L’invasione degli islamici avviene nel disinteresse dell’Europa e degli Usa

Luttwak: “Vogliono islamizzare l’Europa. L’Italia bombardi i barconi”

Pie illusioni intorno al pacifico sbarco degli islamici…

Islam, un Cavallo di Troia bussa alla porta d”Europa: si chiama Dialogo

“La regione – ha sottolineato – ha la capacità di costruire rapidamente case per i rifugiati. Le mega-aziende di costruzioni che hanno realizzato grattacieli scintillanti a Dubai, Abu Dhabi e Riad dovrebbero essere ingaggiate per creare rifugi per i profughi. L’Arabia Saudita, inoltre, ha grande esperienza nel gestire grandi flussi, visto che riceve ogni anno milioni di pellegrini per l’Hajj alla Mecca. Non c’è motivo per cui tutto questo know-how non possa essere usato per fini umanitari”.

“Il Golfo – ha scritto Sultan Sooud al-Qassemi, analista politico che vive a Dubai – deve capire che è ora di cambiare la sua politica sull’ingresso dei rifugiati che arrivano dalla Siria. E’ un passo da intraprendere in nome della morale, dell’etica e del senso di responsabilità”. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -