Pakistan: rifugiati afghani costretti a ritornare in Patria

 

 

Per molti rifugiati afgani è il momento di tornare a casa. Da gennaio ad oggi, circa 137 mila persone sono rientrate dal Pakistan.
Ma il motivo non è un miglioramento della situazione in patria, bensì la tensione nei rapporti tra i due Paesi, che si riflette sul trattamento riservato ai profughi.

Deve tornare anche chi in Pakistan è rimasto per 28 anni, come Rahim Khan.

“Siamo arrivati in Pakistan – racconta – per sfuggire alle bombe e alla mancanza di sicurezza in Afghanistan. Ho perso tutto durante la guerra civile e ci siamo rifugiati qui. Ora dobbiamo tornare a casa, ma la guerra continua e la sicurezza non c‘è ancora.”

“Dopo l’attacco alla scuola di Peshawar – continua Khan – la situazione è peggiorata per i rifugiati afgani in Pakistan. Ogni volta che andavamo al mercato, la polizia ci chiedeva mazzette. La vita era dura e non potevamo pagare.”

L’attentato alla scuola militare, nel dicembre scorso, provocò 141 morti.

Le autorità di Islamabad temono infiltrazioni di combattenti dall’Afghanistan, mentre quelle di Kabul criticano l’appoggio del Pakistan ai ribelli Taliban.  euronews

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -