Economia mondiale, Confindustria: c’e’ rischio di una “stagnazione secolare”

Condividi

 

 

Confindustria lancia un forte allarme sullo stato di salute dell’economia mondiale: c’e’ il rischio di “stagnazione secolare” e occorre un mix di politiche per accelerare la crescita.

“La crescita mondiale”, sottolinea il Centro studi di viale dell’Astronomia, “e’ molto piu’ lenta del passato e delle attese”, si legge nella nota, “le previsioni correnti per il Pil globale sono +3,2% nel 2015 e +3,6% nel 2016, molto distanti dal +5,1% medio annuo pre-crisi e potrebbero rivelarsi ottimistiche”.

Secondo il Csc, “le cause sono: rallentamento demografico, minori investimenti, piu’ debole dinamica della produttivita’“. Per questo, concludono i tecnici di Confindustria, “occorrono politiche per rilanciare la domanda, favorire la spesa in ricerca e sviluppo, procedere con le riforme strutturali, puntando sul manifatturiero, motore dello sviluppo”.

Preludio di una nuova crisi economica mondiale: 9 segnali

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -