Devastano centro di accoglienza e aggrediscono gli operatori, nigeriani arrestati

Con le accuse di danneggiamento, percosse e minacce, marito e moglie, di origini nigeriane (quindi clandestini, non profughi), ospiti del centro Sprar per i cittadini richiedenti asilo o rifugiati di Fardella (Potenza), sono stati arrestati dai Carabinieri.

Dopo non aver percepito il “pocket money” – a causa della mancata partecipazione al corso di lingua italiana – i due hanno cominciato a protestare con violenza, danneggiando gli arredi del centro e aggredendo gli operatori che hanno chiesto l’intervento dei militari. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -