Coniugi incappucciati, picchiati e rapinati da stranieri

Rapinati i titolari della panetteria Berta in via San Firmino a Pertusio – Torino

Sequestrati per quaranta minuti, minacciati e incappucciati con alcuni indumenti di fortuna in modo tale che non potessero avere la benché minima percezione di quello che stava accadendo. E’ questo il racconto della drammatica rapina consumata l’altra notte a Pertusio, ai danni di Antonino Presti e Clara Berta, la coppia titolare della storica “Trattoria Panetteria Berta”, in via San Firmino.

Un colpo messo a segno, secondo la testimonianza delle vittime, da almeno quattro rapinatori che hanno agito a volto coperto e armati. L’accento, però, secondo i titolari, sarebbe quello di cittadini originari dell’Europa dell’Est, probabilmente slavi. I malviventi sono entrati nell’abitazione proprio sopra l’esercizio commerciale poco dopo le due di notte, hanno coperto il capo di marito e moglie con delle giacche, infilandoli sotto delle lenzuola per poi torturarli psicologicamente. “Mi hanno sbattuto a destra e sinistra graffiandomi con dei coltelli – ci racconta Antonino Presti -. Niente di grave, ma la paura è stata tanta. Continuavano a chiedermi dei soldi, ma di liquidi in casa, soprattutto dopo un mese di ferie non ce n’erano”.

Un sequestro che è andato avanti per circa 40 minuti fino a quando l’uomo, accompagnato a forza alla cassaforte sotto la minaccia di un’arma, è stato costretto ad aprirla, consegnando il bottino ai malviventi, orologi e gioielli per un valore di decine di migliaia di euro, il sacrificio di vent’anni di lavoro. Secondo il racconto delle vittime i rapinatori avrebbero agito con destrezza e minacciando ripetutamente la moglie con dei coltelli che, presumibilmente, i rapinatori hanno trovato nel ristorante.

“Mia moglie è andata in crisi – racconta ancora Antonino che ora, per il trauma subito non riesce più a dormire a casa ed è costretto a recarsi ogni sera, dopo aver chiuso il locale, nell’abitazione dei genitori a Chivasso -. Quando ti incappucciano e non puoi renderti conto di ciò che sta accadendo subisci un trauma a cui non è facile porre rimedio. Non hai più fiducia nelle mura di casa tua e tutte le sere vieni colto dal panico”.

L’intero sequestro si è svolto a pochi metri di distanza dalla camera in cui dormiva il figlio della coppia che, fortunamente, non ha assistito all’amara scena: “Hanno almeno avuto la cortezza di chiudere la porta della sua stanza – continua Antonino – e preservarlo da quello che sarebbe stato un trauma non da poco”.

Ora il problema è rimettere insieme cocci e ricostruire i risparmi di una vita: “Non abbiamo più nulla, ma grazie al sostegno delle forze dell’ordine e delle persone che ci conoscono speriamo di dimenticare al più presto questa vicenda e che le indagini possano dare un volto e un nome a chi ci ha barbaramente rapinato”.

Sul caso sono in corso le indagini dei carabinieri di Cuorgnè e del nucleo operativo di Ivrea.“

torinotoday.it



   

 

 

1 Commento per “Coniugi incappucciati, picchiati e rapinati da stranieri”

  1. E va bene sono solo poveri Migranti, io direi delinquenti, ditelo ai signori politici Renzi,Alfano, Boldrini, LIBRANDI, un’altro v………..a Gennaro, poi abbiamo Castaldini ecc. sono migranti che scappano dalle guerre si li se rubano gli tagliano la mano con cui ha rubato qui da noi fra non molto gli faranno girare qualche film e gli daranno anche i riconoscimenti, siete solo B U G I A R D I con la patente, e non avete il coraggio di ammettere che non ci avete capito un ca22o o forse per mantenere la sedia sotto il colo fate quello che vi dicono i nemici altrimenti sareste Traditori dell’ITALIA.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -